Andreolli: "Mancini nel mio cuore, Spalletti grande persona. L'Inter? Dobbiamo essere perfetti"

Andreolli: “Mancini nel mio cuore, Spalletti grande persona. L’Inter? Dobbiamo essere perfetti”


Parla l’ex di Cagliari-Inter. Andreolli si racconta tra passato presente e futuro.

 

“RINGRAZIO ANCORA ROBERTO MANCINI”

“A Udine tre punti d’oro. Stiamo bene, vogliamo fare sempre punti. Con l’Inter serve voglia vista contro Udinese e Verona. Conta la nostra concentrazione”. Marco Andreolli sarà il grande ex di giornata nell’anticipo serale di sabato tra il suo Cagliari e la ‘sua’ Inter. Il centrale è stato intervistato dalla Gazzetta dello Sport.

Cos’è cambiato con Lopez?
“Nel calcio purtroppo i risultati sono fondamentali, se non arrivano è più facile mandar via il tecnico che 30 giocatori. Ora ci siamo presi le nostre responsabilità e diamo qualcosa in più”.

A proposito di allenatori, chi ricorda meglio?
“Anche chi non mi ha fatto giocare mi ha dato qualcosa. Non posso mai scordare Mancini: mi ha fatto esordire in A, Inter-Reggina, e in Champions, contro i Rangers. In quegli anni c’erano difensori come Materazzi, Cordoba e Samuel…”.

Parliamo di attaccanti. Il più forte mai marcato?
Ibrahimovic, da compagno e da avversario: personalità, tecnica impressionante. In Spagna ho incontrato anche Cristiano Ronaldo, un altro mostro”.

Alla Roma ha incrociato Spalletti. Che tipo è?
“È tra i migliori in Italia e in campo internazionale. Lavorare all’estero, come ho verificato a Siviglia, ti apre e ti completa. Ha un carattere forte, pretende molto da tutti, specie dai campioni e da chi ha più personalità. A Roma c’erano Totti, De Rossi, Perrotta, Mexes, Juan: per lui eravamo tutti uguali. Diceva che se si ha tecnica e carisma si deve dare di più ed essere da esempio per gli altri e i giovani. E lavorava tanto su linea difensiva e marcatura”.

Il Cagliari come può infastidire l’Inter seconda in classifica?
“Con una prova perfetta, da squadra. Dovremo dare tutti noi stessi, sperando che loro non siano al top”.

Oltre a Icardi, chi toglierebbe ai nerazzurri?
“L’Inter è un collettivo maturo e granitico. E sulle fasce si esalta il gioco della squadra. Ma siamo pronti, vogliamo lo stadio pieno”.

Fonte foto copertina: screen youtube

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy