GdS - Bagni: "Napoli favorito sullo scudetto. Sabato finisce..."

GdS - Bagni:

Lunga intervista quella rilasciata dal doppio ex Salvatore Bagni a riguardo del big match di sabato Napoli-Inter.

BAGNI: "CITY-NAPOLI SFIDA TRA MAESTRI"

La prima domanda va ovviamente al super match di Champions, Manchester City-Napoli: "City-Napoli oggi è il top. Per la
qualità di gioco che esprimono le squadre e le condizioni di forma.
Sarà un grandissimo spettacolo. E pensare che qualcuno dava per
finito il tiqui taka... Guardiola ha saputo evolversi. Oggi il suo possesso è meno orizzontale e cerca la verticalità con una velocità impressionante. Ma il Napoli non è da meno". Sarri potrebbe anche scrivere la storia secondo l'opinionista: "Ci credo, perché il calcio del Napoli è esaltante. Giocano davvero in 11 le due fasi, Reina compreso. E poi mi piace questo pressing altissimo
che parte daltridente, capace di riprendersi in fretta la
palla. Ecco, se un difetto si può trovare nel City è lì dietro. E siccome per mentalità non buttano mai via la palla, gli azzurri potranno rubare palloni davanti e far male agli inglesi. Sarà una partita intensa".

SPALLETTI, SCUDETTO E TURN-OVER

Se l'intensità della partita contro il City possa favorire l'Inter Bagni è certo: "Sicuramente il Napoli, al di là di quelle fisiche, sprecherà tante energie mentali. E questo può favorire l’Inter. In questo ha ragione De Laurentiis. La partita più importante è sabato. Perché comunque gli azzurri il passaggio del girone di Champions se lo
giocheranno con lo Shakhtar". Ma il Napoli può veramente vincere lo scudetto: "Il Napoli in questa stagione non può, deve vincerlo. Perché è con la Juve il favorito, e questa partenza importante con +5 sui bianconeri qualcosa significa. Lungi da me dare i bianconeri per spacciati: hanno rabbia, mentalità vincente e qualità per riprendersi in fretta. E senza i rigori sbagliati, che sono episodi, sarebbe a due punti". E l'Inter cosa farà? "Starà lì, a giocarsela. Ha meno percorso di squadra di Juve e Napoli, ma ha Spalletti. Sul piano del gioco ancora non convince, ma Luciano  nella passata stagione è riuscito a mettere la sua Roma davanti a un Napoli già in gran crescita. E poi c'è Icardi che è fortissimo. Il derby lo ha vinto quasi da solo. Mauro i gol li inventa, mentre il Napoli li costruisce con tutta la squadra e non ha punti deboli. Per questo, nonostante la Champions, e l’Inter più riposata e sicuramente più accorta dietro,  credo che al San Paolo vinceranno i padroni di casa. Faticheranno più i nerazzurri a inseguire gli avversari che terranno più la palla".

I PUNTI DEBOLI DEL NAPOLI PER BAGNI

Infine una lucida analisi sulle debolezze di questa rosa: "Un punto debole potrebbe esserci. Perché quei tre davanti sono fortissimi
ma al momento non hanno alternative. Bisogna tirare fino a gennaio e portare Inglese. Da questo punto di vista l’Inter, sfruttando la ricostruzione di Spalletti, in gennaio può rinforzare in maniera determinante la squadra". Gioco del Napoli dispendioso per vincere il tricolore? "Non sono d’accordo. Il Napoli gioca molto corto, fa girare veloce la palla, non c’è grande dispendio. E fa sprecare fiato agli altri perché vanifica il pressing: c’è sempre lo scarico dietro per il compagno e non ci sono più di due tocchi. Difficile inseguirli". Ma la tifoseria soffrirà la condizione di capolista? "Non credo. E conoscendo Napoli vi spiego il perché. Noi abbiamo
scritto la storia nell’era Maradona e la gente veniva soprattutto
per Diego. Il pubblico di oggi, grazie a Sarri, ha più cultura del bel calcio. La squadra si diverte e anche la gente al San Paolo viene
per questo: vincere diventa la conseguenza. E allora mi sento di
dire che Sarri è il nuovo Maradona: è cominciata la sua era".

CdS – Inter da Scudetto? Ecco il parere di 30 esperti

Siamo su Google News: tutte le news sull' Inter CLICCA QUI

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram