Rinnovo di Handanovic, così il portiere entra nella storia

Handanovic, un rinnovo per la storia nerazzurra

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Samir Handanovic, leader silenzioso dell’Inter, punta ad entrare nella storia dei nerazzurri. Lo farà col rinnovo contrattuale sino al 2021 che lo porterà ad essere tra i portieri top della storia della squadra di Milano.

Handanovic punta Toldo e Pagliuca

Scrive La Gazzetta dello Sport che Samir Handanovic è alla sesta stagione con l’Inter. Passati i malumori di qualche stagione fa il portiere resta una delle certezze di squadra, e col rinnovo contrattuale aumenterà le sue 211 presenze complessive tra i pali.

Nella classifica all time Handanovic è a meno 5 presenze da Beccalossi, meno 13 da Serena, meno 22 da Toldo e meno 23 da Pagliuca, con questi ultimi due i veri obiettivi del portiere sloveno.

Il contratto, scadenza 2019, verrà prolungato di altri due anni, dando così al portiere la possibilità di diventare quarto di sempre nella classifica dei pari ruolo, dietro Julio Cesar a quota 300 presenze, Ivano Bordon a 382 e Walter Zenga a quota 473.

Quest’anno Handanovic non ha ancora sfidato nessuno sui rigori. Gliene manca uno per eguagliare il primato di 24 penalty parati, record che appartiene a Gianluca Pagliuca.

Dice Pasquale Marino su Handanovic: “Maniacale, sul campo e in sala video. Avevo Chimenti titolare all’Udinese ma il mio preparatore Catello Senatore mi aveva detto che era pronto. Quando ho comunicato la formazione non ha fatto una piega, giocavamo contro la Juventus, vittoria per 1-0 e parate strepitose di Samir. Giocherà fino ai 40 anni e non è così algido come sembra. L’ultima volta mi ha preso in giro per gli occhiali“.

 

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy