Ivan Drago? Quasi, l'Inter ha un muro: Milan Skriniar

Ivan Drago? Quasi, l’Inter ha un muro: Milan Skriniar


Qualcuno ha dubitato e riso dell’ultimo acquisto in difesa della coppia Ausilio-Sabatini?
Sì, io. Magari non primo e neppure unico, ma lo devo ammettere: lo scetticismo sul mercato dell’Inter e su Milan Skriniar era totale.

Il biondo ragazzo ex Sampdroia è approdato ai colori nerazzurri in sordina, senza gran clamore se non per il fatto che la sua valutazione ed il shop cartellino fossero a un passo dalla follia calcistica e di qualsivoglia commercialista.

Poi è successo che alcuni addetti ai lavori e soprattutto Spalletti hanno iniziato a far presagire il fatto che il giovane colosso che ricorda molto lo schiacciatore dell’Italvolley Ivan Zaytsev, non fosse proprio così scarso e così immaturo come si poteva pensare. Ma era ancora troppo presto e gli scettici covavano ancor più il loro scetticismo.
Sono iniziate le amichevoli, ottimamente giocate dalla banda di Luciano da Certaldo, e il freddo slovacco classe 1995 (!!!) si è scaldato in fretta. Ma erano partite che non valevano nulla, era ancora troppo presto e gli scettici… (Di fenomeni nelle amichevoli e flop nelle gare che contano, senza tirar fuori il bianco e nero, si ricordano dai tempi di Darko Pancev…)

E’ iniziato il campionato e Milan Skriniar da Ziar nad Hronom, ha continuato a tenere la testa alta, i nervi saldi, la schiena dritta e le possenti gambe veloci. Così l’ex Pioli ci ha sbattuto contro e i danni sono valsi i primi 3 punti per Spalletti.
La carovana nerazzurra si è spostata a Roma e anche Di Francesco, il Ninja e De Rossi hanno capito che o si tirava da lontano o entrare in area con lo Zar era tutt’altro che semplice. Morale della favola? Altri 3 punti strappati ad una potenziale candidata allo scudetto.

Passano i giorni, lo Zar indossa l’armatura e si presenta alla Spal come un super Sayan. Non solo chiude in difesa, ma si propone in avanti con una certa frequenza e non in modo casuale, farneticante e scomposto, ma con consapevolezze, disciplina e autorevolezza. L’Inter non perde l’occasione per strappare altri tre punti e festeggiare con il duo delle meraviglie IcardiPerisic, ma il guerriero lascia tutti a bocca aperta per la prestazione e per un missile che lascia partire da fuori area in stile Adriano.

La trasferta si fa lontana, si va a Crotone e mentre i nerazzurri faticano a trovare gioco e soluzioni, Milan si leva la maschera, sale sullo scranno più alto e impartisce lezioni di difesa. Mentre l’eco della bordata scagliata a Milano contro la traversa riecheggia ancora, l’Ivan Drago nerazzurro, il Muro dell’Est, o più semplicemente il “sopravvalutato” giocatore che arriva da Genova, tiene botta anche quando il capitano del Brasile Miranda perde un po’ il controllo e sul finire di un match difficile e amaro, decide di sbloccarla lui. E il finale è dolcissimo!

L’Inter ha trovato la soluzione in difesa, ha scoperto un nuovo fenomeno, Ausilio ha portato il nuovo Thiago Silva?
Piano con i giudizi, ma che goduria!…     

ULTIME NOTIZIE

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl