Juve, aperta un'indagine FIFA per il trasferimento di Pogba al Manchester: ecco cosa rischiano i bianconeri

Juve, aperta un’indagine FIFA per il trasferimento di Pogba al Manchester: ecco cosa rischiano i bianconeri

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Nella scorsa sessione di mercato il passaggio di Paul Pogba dalla Juventus al Manchester United per oltre 100 milioni di euro è stato il trasferimento più costoso della storia. Dopo le recenti rivelazioni di Football Leaks che hanno portato a galla tutte le cifre delle commissioni intascate da Mino Raiola per l’operazione, ora arrivano dalla FIFA le notizie poco rassicuranti per il club di Torino.

Fonte foto: screenshot YouTube

LA RIVELAZIONE DI ESPN

ESPN ha infatti svelato, grazie ad una testimonianza diretta dalla FIFA, che il trasferimento è stato messo sotto stretta osservazione della FIFA che ha assolto il Manchester United, ma ha aperto proprio in questa ore una nuova indagine che riguarda la Juventus e l’agente Mino Raiola. La camera di indagine della FIFA ha infatti chiesto già a maggio la documentazione relativa al trasferimento sia alla Juventus che al Manchester United. Dopo gli accertamenti il Manchester United è stato assolto mentre è stato aperto un fascicolo che riguarda la Juventus (che non ha ancora fornito la documentazione richiesta) e Mino Raiola per una possibile violazione delle regole FIFA sulle Thirdy Party Ownership.

COSA RISCHIANO I BIANCONERI

Se il club di Agnelli dovesse essere ritenuto colpevole alla fine delle indagini, la FIFA applicherà subito una sanzione alla Juventus che secondo ESPN può andare dalla semplice multa (in realtà molto salata) fino ad un blocco sul mercato per un periodo da stabilire. Arriveranno aggiornamenti in merito a questa intricata vicenda.

Fonte foto in evidenza: juventus.com

 

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy