Sampaoli: "Icardi? E' stato convocato per quanto fatto con l'Inter"

Sampaoli: “Icardi? E’ stato convocato per quanto fatto con l’Inter”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Jorge Sampaoli è il nuovo commissario tecnico dell’Argentina. La notizia, che circolava da tempo, è diventata ufficiale solamente oggi, giorno in cui è stata indetta la presentazione dell’allenatore ex Siviglia. Insieme a Sampaoli e al suo staff arriva anche Jorge Burruchaga, che avrà il ruolo di responsabile di tutte le selezioni nazionali dell’Argentina.

LE DICHIARAZIONI DI SAMPAOLI SU ICARDI

In conferenza stampa il neo tecnico dell’Albiceleste si è mostrato orgoglioso e pronto per la nuova sfida. “Questo è un sogno che si realizza, che desideravo da molto tempo. Ho sempre sognato questo posto. C’erano delle situzioni che meritavano attesa, apprezzo la pazienza del Presidente Tapia. Dobbiamo costruire una squadra che rispetti la storia del calcio argentino. Ci sono più di 100 calciatori sotto osservazione. Vogliamo che un giocatore che indossi questa maglia tiri fuori le sue qualità. Noi siamo gente che lavora, sono circondato da persone molto capaci. La difficoltà nelle qualificazioni è reale, ma sappiamo che ci sono le risorse affinchè l’Argentina sia presente ai prossimi Mondiali. Il contratto dura fino al Mondiale 2022, vorrei poter creare qualcosa di importante per il calcio argentino. Icardi? E’ stato convocato per quanto ha fatto con l’Inter, per tutti i giocatori la convocazione è dipesa da quanto hanno dimostrato con il loro club. Può entrare nel nostro gioco, vedremo poi come si adatterà. Messi? Vogliamo che il miglior giocatore del mondo si senta felice qui. Ieri ho parlato con lui ed è molto eccitato“.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy