Addio Pioli, anche lui non é esente da colpe nel disastro Inter

TS – Ecco le colpe di Pioli nei 6 mesi all’Inter


Addio Pioli, il tecnico ha appena salutato dopo 6 mesi alla guida dell’Inter. Mesi in cui ha prima risollevato una squadra allo sbaraglio. Nel finale però ha perso quanto di buono fatto prima. Momenti fatali per il suo futuro in nerazzurro.

during the Serie A match between Genoa CFC and FC Internazionale at Stadio Luigi Ferraris on May 7, 2017 in Genoa, Italy.

Addio Pioli, qualche colpa ce l’ha

Stefano Pioli ha concluso anzitempo la sua esperienza in nerazzurro. Sicuramente non é il principale motivo del fallimento nerazzurro. Ma qualcosa ha sbagliato anche lui. Lo spiega Tuttosport in un suo articolo. “Termina la sua avventura all’Inter con una media punti di 1.65 in 23 gare di campionato (De Boer si era fermato a 1.23; 14 punti in 11 partite): pensare che dopo 13 incontri viaggiava a 2.38, la media più alta in un singolo campionato dall’era Mourinho in poi. In quel periodo – metà febbraio – la sua squadra volava, era devastante negli ultimi 25 minuti e non subiva gol (3 in 10 partite). Tutto è filato liscio tranne gli scontri diretti, prima lacuna evidenziata: non tanto per il ko a Torino con la Juve, quanto per quelli a Napoli (3-0) e con la Roma a San Siro con sistema di gioco stravolto, più l’eliminazione in Coppa Italia con la Lazio.

Le gestione di questi match e di alcuni successivi alla sosta di metà marzo non sono piaciuti al club, così come lo scarso impiego di alcuni giocatori, in particolare Joao Mario e Gabigol, simboli della prima campagna acquisti di Suning (Pioli ha preferito dare spazio a senatori importanti per lo spogliatoio come Palacio). In più non è passato inosservato come Pioli, nel momento di difficoltà con la squadra scarica di motivazioni per l’addio al terzo posto, abbia perso il controllo sul gruppo”.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy