GdS - Icardi capitano vero? Lui si impegna, l'Inter meno

GdS – Icardi capitano vero? Lui si impegna, l’Inter meno

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Le cicliche crisi, i naufragi dei progetti e la mancanza di leadership in campo e fuori non sono certo una novità in casa Inter, ma anche la Gazzetta dello Sport deve ammettere come per Icardi, da capitano, non debba essere davvero facile.

INTER, CAPITAN ICARDI CI PROVA MA LA SPOGLIATOIO NON SEMBRA MOLTO UNITO

Come riporta la Rosea a Maurito dalla pancia del Franchi sono uscite due frasi catturate dai microfoni di Sky: “Se cerco di scuotere i compagni? Provo a parlare e a dare consigli, ma ci sono quelli che ascoltano e quelli a cui non in­teressa farlo” e “Come qualità della rosa, non ci sentiamo secondi a nessuno, ma non riusciamo ancora a stare in campo da squadra, a soffrire da squadra, ad aiutarci da squadra”, che rendono bene la situazione.
Mister Pioli sembrava essere riuscito nel miracolo, oltre ai buoni risultati ed alla rincorsa, anche uno spogliatoio unito e tanti sorrisi, ma ora che i risultati non arrivano più, si palesano chiare le divisioni di uno spogliatoio con pochi (nessuno!) leader e molte lingue, idee, personalità. E tutto ciò anche se Maurito dall’età di 23 anni non abbia avuto problemi ad indossare la fascia di capitano e prendersi le sue responsabilità. Anche se non sembra il tipo giusto per attaccare al muro un compagno che sbaglia, anche in quest’ultimo periodo ci sta mettendo la faccia, ce la mette tutta per cambiare la situazione e sembra sinceramente il più affranto per il momento difficile.

INTER, BOMBER ICARDI IN CAMPO E’ GARGANTUESCO

Ciò che però sicuramente non gli manca è la qualità in campo. Maurito, con buona pace dei detrattori anche tra le fila amiche, è esagerato, precoce e mostruoso. A 24 anni con 78 reti ha già superato personaggi del calibro di Facchetti, Milito e Cruz, ha superato il suo record di reti in campionato che era fermo a 22 e insidia Higuain, Belotti e Dzeko per la corona di re dei bomber in questa stagione.
Di più non può fare, anche se l’Inter avrebbe il dovere di affiancargli, almeno uno per reparto, giocatori non solo qualitativamente all’altezza, ma con personalità e peso specifico nello spogliatoio.
Sembra che così sarà, per stessa volontà di Suning.  

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy