Pioli, 5 motivi per cui è giusto credere nella riconferma

Pioli, 5 motivi per cui è giusto credere nella riconferma

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Pioli riconferma, le ragioni valide per tenere il tecnico italiano

Pioli riconferma, i 5 motivi per credere nella permanenza dell’allenatore nerazzurro

In questo momento pare insensato è superfluo parlare di una riconferma per Pioli. Voci lo vogliono vicino alla firma con la Fiorentina, comunque sempre più lontano dall’Inter. Il periodo iniziale aveva fatto ben sperare, ma le prestazioni dell’ultimo mese hanno messo in seria discussione il suo futuro in nerazzurro. Proviamo a trovare 5 ragioni per cui Pioli andrebbe riconfermato nella prossima stagione:

1. Non si getterebbe alle ortiche sei mesi di lavoro, nei quali il mister ha dimostrato di saper dare un’identità ai nerazzurri. Alti e bassi erano pronosticabili, la squadra era ed è un cantiere aperto.

2. I giocatori sono con lui. Pioli ha saputo conquistarsi la fiducia dei suoi uomini, facendoli rendere al meglio in vari momenti e consolidando un gruppo allo sbando.

3. Riconferma significa possibilità di iniziare una stagione con il mister di quella precedente, una rarità ormai in casa Inter. Sarebbe anche un forte segnale da parte della dirigenza di voler dare continuità ad un progetto iniziato a Novembre.

4. È italiano e conosce bene il nostro campionato. Con l’esempio de Boer abbiamo visto come un tecnico straniero non sia subito “adattabile” alla Serie A, e Milano è una piazza che da poche seconde chances.

5. Nei mesi a sua disposizione, Pioli ha comunque fatto vedere spunti interessanti, proponendo a tratti un calcio godibile e offensivo. Potrebbe essere un punto di forza da cui ripartire per la prossima stagione.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy