TMW - Nagatomo fuori dal progetto Inter. Lui vuole l'Italia ma...

TMW – Nagatomo fuori dal progetto Inter. Lui vuole l’Italia ma…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Permanenza complicata, quasi da escludere. Nonostante l’affetto nei confronti dell’Inter e di Milano sia grande. Ormai ai margini del progetto tecnico di Stefano Pioli, per Yuto Nagatomo si prospetta l’addio a fine stagione. A riportarlo è TuttoMercatoWeb.

NAGATOMO SEMPRE PIU’ LONTANO DALL’INTER

In ottica mercato, però, al momento non si registrano possibilità particolarmente allettanti per il classe ’86 di Saijo, che poco prima del rinnovo contrattuale fino al 30 giugno 2019 siglato nell’aprile 2016 aveva declinato offerte prestigiose. Del Bayer Leverkusen in Bundesliga e, soprattutto, dal Manchester United in Premier League, con l’allora tecnico dei Red Devils Louis van Gaal che avrebbe voluto puntare su di lui per la seconda parte della scorsa stagione.

Adesso solo il Crystal Palace ha mostrato un certo interesse. Per il resto, solo qualche timido sondaggio dalla Bundes. In tutto questo quale la volontà di Nagatomo si ordina in tre punti. Restare a Milano, proseguire la propria avventura nel campionato italiano oppure, terza e ultima opzione, sposare qualche progetto estero.

In Serie A attenzione all’Atalanta, soprattutto nel caso in cui restasse in panchina Gian Piero Gasperini, tecnico che stima il 30enne terzino con il quale ha condiviso proprio l’esperienza, seppur brevissima, all’Inter. Tra poche settimane il futuro sarà più chiaro. Un futuro che, sorprese permettendo, dovrebbe essere lontano da Appiano Gentile. Perché il progetto di Suning Group non prevede la conferma del numero 55 interista.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy