Intervista Boninsegna: "Difficile dire chi è più forte tra Belotti e Icardi"

Intervista a Boninsegna: “Difficile dire chi è più forte tra Belotti e Icardi”


Tra le pagine della Gazzetta dello Sport troviamo anche un’intervista a Roberto Boninsegna, storico attaccante azzurro che ha militato anche nell’Inter. Nell’intervista Boninsegna ha commentato la sfida tra bomber Belotti-Icardi.

INTERVISTA BONINSEGNA: “DUE FINALIZZATORI MICIDIALI”

Queste le parole di Boninsegna. “Sono due grandissimi centravanti. Non è facile segnare così tanti gol in Serie A. Ancora più difficile per me che sono interista, ma Belotti è italiano. Sono due finalizzatori micidiali. Icardi ora è completo, lavora di più per la squadra rispetto a prima. Sono convinto che renderebbe ancora di più con un 4-4-2 piuttosto che con il modulo di Pioli, che lo costringe a stare sempre solo in area. Belotti è molto sveglio e geometrico, sotto porta è un vero opportunista che sfrutta ogni centimetro e traiettoria utili per fare gol.

Sulle clausole, penso che alcune valutazioni siano fuori dal mercato. Beato chi ha i soldi per comprarli. E visto che sono decisivi e ti fanno vincere le partite, sono cifre che convengono anche a chi li dovesse vendere.”

“SFIDA PER IL TITOLO DI CAPOCANNONIERE MOLTO EQUILIBRATA”

A differenza della classifica generale, dove c’è poco equilibrio, per il trono dei bomber invece stiamo assistendo ad una gran bella lotta. Icardi starà lì fino alla fine, Belotti è in vantaggio di due reti e in gran forma. Spero che non segni contro l’Inter, ma se dovesse vincere la classifica capocannonieri sarei contento. Che goduria se un attaccante italiano dovesse fare meglio di Dzeko, Higuain, Mertens e così via.

Essendo entrambi classe 1993, credo che a livello tecnico ormai siano formati, possono segnare in tutti i modi. Ma non si finisce mai di imparare: bisogna capire i momenti della partita e sapersi gestire. Se sei furbo, scegli tu da chi farti marcare e vai sul difensore meno forte. Certo, Belotti deve migliorare dal dischetto. Sui rigori devi essere freddo, decidere al momento. Anche se quando calci alto è un errore tecnico, più che mancanza di serenità.”

Copyright © 2015 Cierre Media Srl