Sei qui: Home » Copertina » Inter 2016: i tre peggiori giocatori secondo SpazioInter

Inter 2016: i tre peggiori giocatori secondo SpazioInter

L’Inter 2016 è stata tutt’altro che positiva. L’anno solare è iniziato con Mancini, malissimo, con un lento decadimento dal primo al quarto posto, un girone di ritorno pessimo. Dopo tutte le vicissitudini estive è approdato all’Inter Frank de Boer, che non ha convinto e ha lasciato spazio a Vecchi, che è rimasto sulla panchina nerazzurra durante i casting che hanno poi portato a Milano Stefano Pioli. Ciò che sembra costante durante la ‘regia’ di ogni allenatore è il fatto che ci siano elementi assai deboli in una rosa che a gennaio, fortunatamente, dovrebbe sfoltirsi.

Tre giocatori su tutti che hanno brillato di negatività sono Stevan JoveticGeoffrey Kondogbia e Davide Santon.

INTER FLOP 2016: STEVAN JOVETIC

Stevan Jovetic è veramente troppo incostante e le sue presenze in campo si possono contare sulle dita di una mano. Era arrivato all’Inter con l’intento di risollevare la manovra offensiva con le sue giocate. E per giocare insieme ad Icardi supportandolo nella manovra. Ma questo non è avvenuto. Quando entra in campo è poco convincente, non è l’uomo che in una decina di minuti inventa un gol o un assist utili alla vittoria della partita. Addirittura quest’anno, quando è entrato in campo contro la Roma,  ha causato il fallo della punizione che poi ha portato i giallorossi alla vittoria finale, risultando anche dannoso. Tra l’altro i nerazzurri avevano giocato un’ottima gara e tornare a Milano con 0 punti è stato un vero peccato. Contro il Sassuolo e la Lazio non è stato nemmeno convocato. Inoltre, nelle ultime settimane del 2016, secondo quanto letto sui maggiori quotidiani, il montenegrino avrebbe litigato con Icardi, con il quale dice di non aver legato nei suoi 17 mesi nerazzurri. Jovetic si sarebbe poi lamentato dello scarso minutaggio in campo ma, passati ben 4 allenatori sulla panchina dell’Inter e memore della sua esperienza a City, forse il caro buon vecchio Stevan dovrebbe porsi qualche domanda.

INTER FLOP 2016: GEOFFREY KONDOGBIA

Geoffrey Kondogbia, mister 38 milioni, peggiora ogni partita. E come disse Frank de Boer, la scusa della giovane età non sussiste più. Il francese ha ormai 23 anni e ancora tutto da dimostrare. Arrivato all’Inter dopo esser stato vicinissimo al Milan, sembrava fosse uno dei predestinati a diventare un centrocampista di spessore mondiale. Ma la previsione non si è avverata: Kondogbia ha sempre meno spazio tra le fila nerazzurre tranne casi eccezionali. Gli sono state date decine di occasioni ma in campo non ha mai brillato. E’ estremamente lento, confuso, macchinoso. La sua manovra non è mai effervescente. Quando tocca la palla è prevedibile e se si azzarda ad andare fuori dalla sua comfort zone perde il controllo. Ma, oltre a questo gap tecnico e alla sua mancanza di velocità, quello che infastidisce di più è il suo atteggiamento. In diverse occasioni il francese è sceso in campo privo di voglia, non rincorrendo l’avversario, camminando in mezzo al campo senza rendersi conto di quanto sia imbarazzante la sua prestazione. Kondogbia non ha più il tempo di crescere. Ha avuto un vasto periodo di tempo per ambientarsi in serie A, ma pare averlo sfruttato molto poco.

LEGGI ANCHE:  VIDEO - Mondiale, Belgio eliminato: Lukaku furioso rompe la panchina con un pugno

INTER FLOP 2016: DAVIDE SANTON

Davide Santon, fortemente voluto da Mancini, poteva risultare un ritorno da figliol prodigo all’Inter. Ma, ancora una volta, non è riuscito a sfondare nel momento decisivo. Il terzino qualche buona partita, specie con Frank de Boer, l’ha giocata, ma mai due in fila. E’ scostante e molto lento. Sforna dei cross dalla sua fascia poco entusiasmanti, che spesso attraversano l’area senza essere toccati dai compagni perché troppo imprecisi. E anche in difesa è poco reattivo alle incursioni, specie se in velocità, degli avversari. Questo elenco di problemi e limiti è probabilmente riconducibile alla sua pessima condizioni fisica. Pessima perché quest’estate gli ha fatto saltare ben due trasferimenti, non avendo passato le visite mediche delle squadre che lo volevano in rosa. De Boer l’ha riscoperto, gli ha dato fiducia, ma dopo un paio di prestazioni tutto sommato positive si è spento non riaccendendosi più. Come i due sopra, Santon è con il piede di partenza. Sempre se supererà le visite mediche.