Shaqiri, veleno sull'Inter: "Infrastrutture indecenti e Mancini cambiava sempre"

Shaqiri, veleno sull’Inter: “Infrastrutture indecenti e Mancini cambiava sempre”


Xherdan Shaqiri doveva rappresentare la rinascita interista con Mancini, ma ciò non avvenne. Lo svizzero rimase solo per sei mesi, dove tante furono le panchine accumulate. In estate l’Inter cercò di venderlo e l’accordo fu trovato in Inghilterra con lo Stoke City. Lo svizzero, in merito, ha rilasciato a Spox.com delle dichiarazioni non proprio lusinghiere verso l’ex club.

SHAQIRI INTER, PROBLEMI COL CALCIO ITALIANO

Eppure, l’accoglienza in Italia fu enfatica e di grande impatto:

“L’Inter mi aveva semplicemente cercato di più. Mi avevano promesso una nuova Inter. Nella Bundesliga avevo già vinto tutto. L’accoglienza è stata davvero pazzesca. La guardia di sicurezza mi ha quasi soffocato perché è scoppiato il caos e aveva perso il controllo. Lo stile di vita era genaile, sono quasi stati i sei mesi migliori della mia vita. Il centro sportivo si trovava a Como, vicino anche alla Svizzera”.

Ciò non significo però un rapido adattamento al calcio italiano e alle sue peculiarità:

“Il calcio italiano non mi è piaciuto particolarmente. Troppo lento, pieno di tattica, era difficile portare in campo la mia esplosività. Una volta, durante un allenamento, ho tirato per due ore 200 calci d’angolo da destra e da sinistra. Non avevo mai fatto una cosa simile”.

Un adattamento che Roberto Mancini non ha particolarmente favorito col suo continuo cambiare formazione:
Ci penso ancora oggi. Mancini mi voleva a tutti i costi. Avremmo dovuto a posteriori prendere qualche informazione in più sull’ambiente. Per fare questo però mancava il tempo, il giorno del passaggio all’Inter si erano messi in mezzo ancora due club della Premier League. Ai tempi ero un po’ impaziente e volevo assolutamente chiudere il trasferimento perché il campionato era già iniziato e io volevo partire subito. Con lui non ho mai avuto problemi, ma cambiava ogni fine settimana, così che non c’era mai una formazione fissa. Lo aveva fatto anche al Manchester City e al Galatasaray. Non mi sentivo più bene, così abbiamo cercato una soluzione comune”.

Shaqiri Inter L’attacco più pesante viene sferrato in merito alle infrastrutture della Pinetina, non giudicate idonee dall’ex Bayern per un club di livello:

Le infrastrutture dell’Inter sono sinceramente una vergogna. Che un club così famoso non trovi un modo per investire nelle infrastrutture è davvero sorprendente. Alimentazione, riabilitazione, analisi delle prestazioni, varietà negli allenamenti: trovo che in Inghilterra è tutto semplicemente più professionale. E l’erba: in Italia il tempo era bello, ma l’erba sempre molto alta. In Inghilterra può grandinare e noi ci alleniamo comunque su un tappeto, che viene curato ogni giorno da diversi collaboratori”.

Shaqiri già in passato, aveva rivelato di come una volta, per guarire rapidamente da un problema msucoalre, fu portato da uno stregone. Una lunga camminata tra le montagne per poi non riuscire a rimettersi in sesto. Quell’episodio deve averlo segnato davvero nel profondo.

ULTIME NOTIZIE

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl