Gds - Inter, salvate il soldato Pinamonti

Gds – Inter, salvate il soldato Pinamonti


La cantera dell’Inter è conosciuta in tutto il mondo, è ormai da anni, tra le prime a livello europeo ed in questa stagione, ricorda la Gazzetta dello Sport, sembra aver fatto 13 con un nome solo: Andrea Pinamonti.

CERTE NOTTI SON NOTTI, TRA L’INTER E PINAMONTI 

Giovedì sera l’attaccante 17enne con Eder ha illuminato l’Inter nel deserto europeo di San Siro.
Un esordio europeo con 80’ di buona sostanza, cenni di intesa con i compagni, qualche colpo di classe come l’assist per Eder e i prevedibili crampi finali. Sintesi: grandi applausi ed emozione, come quella che ha postato sui social network ed a cui anche il presidente Thohir che stravede per lui, ha risposto. Una foto dell’esordio e la frase: “Certe notti, son notti”.

L’INTER TIENE PINAMONTI CON I PIEDI PER TERRA 

Emozioni forti certamente, per Andrea, per la sua famiglia che lo segue sempre e lo consiglia al meglio, soprattutto il papà Massimo e per tutta l’Inter. Ma ora è tempo di tornare sulla terra, stare ben ancorati alla realtà e non commettere gli errori del passato. Sicuramente il giovane bomber è un talento cristallino, ad oggi in Primavera ha già segnato 12 gol in 10 partite, ma troppi complimenti, troppi titoloni e voli pindarici potrebbero fargli perdere la strada. Esattamente come è successo con i suoi predecessori illustri, Mario Balotelli e Mattia Destro, fenomeni ancora alla ricerca di un’identità.

pinamonti inter

PINAMONTI, UMILTA’ E BLINDATURA DA PARTE DELL’INTER 

Chi lo conosce però è certo delle differenze tra lui e Mario. L’umiltà e la calma, proporzionate alla sua età, sono due caratteristiche che disegnano Andrea.
Ma l’Inter non vuole nemmeno che faccia la fine dei vari Bonazzoli, Puscas e Manaj, finiti in prestito per giocare con continuità ma ai margini delle loro squadre, Brescia, Benevento e Pescara.
Per cucirgli un ottimo vestito addosso i nerazzurri vorrebbero tenerlo in primavera fino al 2018 facendolo però partecipare alla vita della prima squadra sempre di più.
Intanto a maggio, al compimento del 18esimo anno, si firmerà il primo contratto da pro. Si tenterà di blindarlo anche perché i top club europei hanno acceso i fari sul ragazzo.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy