Gasperini Inter, la ferita dell'esonero brucia ancora

Gasperini Inter: “Io seconda scelta di Moratti. La squadra non credeva…”


Gasperini Inter, una ferita che brucia ancora, col tecnico della rivelazione Atalanta che, ospite de La Domenica Sportiva, ritorna su quella scelta del 2011.

Gasperini Inter, io un ripiego e senza un aiutino dalla tv..

Zanetti Gasperini

Gasperini Inter, le due parti non si sono mai prese e la ferita resta ancora aperta. A La Domenica Sportiva il tecnico di Grugliasco, con un forzato sorriso, rianalizza la sua situazione all’epoca.

Io arrivavo all’Inter dopo la delusione Leonardo che di botto lasciava il posto. Non ero certo la prima scelta nei piani di Moratti, lo sapeva lui, lo sapevo io e l’ha capito subito la squadra“.

Io ho sempre pensato che quella squadra non aveva esaurito il ciclo vincente – dice Gasperini – Avevano vinto la Coppa Italia, ma certe abitudini, sopratutto sulla volontà di fare qualcosa di innovativo per loro, sono venute a mancare perché non credevano nel progetto. Un esempio? Quando si parlava di difesa a 3. Secondo me si poteva e si doveva far meglio“.

Quello che Gasperini poi sottolinea è la scelta del sostituto. Infatti, il tecnico dei bergamaschi fu sostituito da Claudio Ranieri che all’epoca era uno degli opinionisti della DS.

Certo anche in tv godevo di poca stima, diciamo che da voi giornalisti della DS (lo dice guardando Zazzaroni) c’è stata una spinta in più a favore del mio sostituto, io ero poco considerato“.

Battuta finale del tecnico atalantino: “Almeno io non ho fatto in tempo per far danni“.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy