Caprari: "Con la Juve era fatta, poi l'Inter..."

Caprari: “Con la Juve era fatta, poi l’Inter…”


Il futuro italiano dell’Inter si chiama Gianluca Caprari. L’attaccante classe 1993, da quest’estate nerazzurro e lasciato in prestito a Pescara, sta vivendo una stagione di grande crescita professionale sotto la sapiente guida di Massimo Oddo, che ha fatto di Gianluca un punto fermo della formazione abruzzese. In un’intervista rilasciata a Calcio 2000, Caprari ha parlato di Pescara, del passato alla Roma e della trattativa che lo ha portato in nerazzurro.

Parliamo del Pescara… Nel gennaio del 2012, lasci Roma e vai da Zeman…
Non è stata una decisione facile. A Roma c’era Luis Enrique che non voleva lasciarmi andare. Mi continuava a ripetere che avrei avuto il mio spazio ma, a 18 anni, io avevo voglia di essere protagonista e, poi, c’era un grande come Zeman che mi voleva a tutti i costi. Così, insieme al mio procuratore, alla fine ho accettato“.

Zeman? Guarda, al mio primo giorno al Pescara avevo 40 di febbre… Mi ha visto negli spogliatoio messo male e mi ha detto: ‘Vai a casa’… Queste sono state le sue prime parole…Esternamente poteva sembrare un tipo duro o chiuso ma, con noi, rideva e scherzava. Faceva delle smorfie pazzesche, un grande personaggio e, ovviamente, un grande allenatore“.

caprariBene con il Pescara, ma poi ritorni ancora alla Roma….
Non è stata una decisione felice. Pensavo di essere pronto, che fosse arrivato il mio tempo ma trovare spazio a Roma è difficile…“.

Per fortuna, dopo soli sei mesi, sei nuovamente a Pescara…
Ci ho messo un po’ ad affermarmi. Ci sono stati dei fischi anche per me ma poi, con il passare del tempo, sono cresciuto e le cose sono andate sempre meglio“.

Merito anche di Oddo?
Senza dubbio. Lui mi ha dato subito tanta fiducia, mi ha fatto giocare con continuità, mi ha fatto sentire importante e sono riuscito a ripagarlo nel migliore dei modi. Era il minimo che potessi fare…“.

Grazie al Pescara, lo scorso luglio, hai firmato con l’Inter. Ci racconti come è andata? Si dice che ci fossero altre squadre…
È vero, Juve e Napoli mi hanno seguito. Con la Juve sembrava tutto fatto ma poi è saltato l’accordo. L’Inter mi ha voluto fortemente e, quando ho saputo della possibilità di andare a giocare in un club come quello nerazzurro, non ci ho pensato due volte. Mi sono sempre piaciute le grandi sfide. Anche con il Pescara è stata dura. All’inizio c’erano fischi per me, ora è diverso, quindi ben venga la nuova sfida con l’Inter anche se adesso voglio far bene con la squadra che mi ha fatto crescere, ossia il Pescara“.

FONTE: TMW

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy