Caravita: "Contro l'idea di Icardi capitano. Noi c'eravamo, ci siamo e ci saremo, lui chi lo sa"

Caravita: “Contro l’idea di Icardi capitano. Noi c’eravamo, ci siamo e ci saremo, lui chi lo sa”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Caravita, esponente della Curva Nord, poco prima del comunicato dell’Inter (quando però era già circolata la notizia che Icardi avrebbe mantenuto la fascia), è intervenuto a SportItalia per dire la sua.

Ha dichiarato: “Icardi capitano? Noi siamo contro questa soluzione, ma c’è da valutare anche la posizione della società e capire le motivazioni. Senza o con Icardi l’Inter deve andare avanti. Se noi siamo un problema, dobbiamo fare valutazioni. Penso che il rapporto con Icardi non si possa ricucire. Siamo ostaggi di questi personaggi milionari e con poca moralità. L’aggravante è averci minacciato senza una motivazione, dicendo falsità. Ci auspichiamo che Icardi ritiri il libro così la faccenda si può chiudere, ma ricucire il rapporto no. Ha commesso un’infamia. Ieri fino al 90′ abbiamo fatto il tifo, di cosa dobbiamo avere colpa?“.

icardi

E ancora: “Icardi uomo giusto per un’Inter vincente? Possiamo essere pro o contro, ma le decisioni le prende la società, noi siamo solo tifosi. Sembra che l’Inter vada in secondo piano. Ci hanno accusato che ieri la partita sia stata persa per colpa nostra“.

Infine: “Icardi non lascia mai sola l’Inter ? Se segna segna per l’Inter, non lo ringrazieremo, ma ringrazieremo l’Inter se vince. Noi siamo l’Inter : c’eravamo, ci siamo e ci saremo. Icardi chi lo sa“.

Poi, attraverso le sue parole su Inter.it, Icardi ha affermato che avrebbe tolto le pagine incriminate dal libro.

 

Fonte: Account Twitter SportItalia

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy