Moratti: "Non potrei lavorare senza poter decidere in prima persona. Dobbiamo stare vicini a de Boer"

Moratti: “Non potrei lavorare senza poter decidere in prima persona. Dobbiamo stare vicini a de Boer”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Intervistato da l’Unione Sarda, Massimo Moratti ha parlato dell’imminente sfida tra Inter e Cagliari: “L’Inter ha bisogno di soddisfazioni e dobbiamo stare vicini a de Boer, che è arrivato in un ambiente nuovo. Il Cagliari, che ha messo su una buona squadra, i punti li deve cercare ovunque. Da interista temo il Cagliari per il loro gioco e la loro vivacità. Anche perchè tradizionalmente sono avversari ostici“.

Una battuta anche sui cinesi, quelli arrivati all’Inter e che stanno arrivando al Milan: “I cinesi non possono avere la nostra passione, qualcosa ci portiamo appresso da bambini. Però rispettano Inter e Milan, le considerano importanti. Ma in questo calcio c’è spazio per tutti, anche per i Presidenti-tifosi“.

Moratti 2L’ex patron nerazzurro ha poi aggiunto: “Ho avuto la fortuna di fare esperienze di tutti i tipi. Non bisogna essere invadenti ed è giusto lasciare lavorare i nuovi proprietari. E poi non potrei mai lavorare senza poter decidere in prima persona“.

C’è un giocatore che fa scatenare le fantasie di Moratti? Lui risponde così: “Nell’Inter di oggi c’è Icardi, un attaccante bravo e generoso che può entrare nel cuore dei tifosi. Nel mondo sono sempre i soliti, Messi e Cristiano Ronaldo. Ma oggi nessuno potrebbe farmi innamorare”.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy