GdS - Ronald de Boer: "Mio fratello, un manager che vuole disciplina e rispetto ma non solo"

GdS – Ronald de Boer: “Mio fratello, un manager che vuole disciplina e rispetto ma non solo”


La Gazzetta dello Sport riporta oggi un’intervista fatta ai gemelli de Boer, si parte dall’ospite a Milano, Ronald, fratello dell’allenatore dell’Inter che ha vissuto una carriera quasi parallela rispetto a Frank.

7

Divento nervoso perché non posso fare nulla – dice Ronald quando guarda le partite del fratello in tv – Quando ero giocatore era diverso, potevo incidere. Ora sono lì in tribuna e soffro per mio fratello. Era così anche all’Ajax. Se non altro, ora posso tifare per l’Ajax stando più tranquillo.

Ronald parte diretto spiegando cosa vorrebbe per il gemello Frank: “Quello che voglio per mio fratello è il successo, ma prima di tutto voglio vedere la sua mano nel gioco. Voglio poter dire “ecco, questa è l’Inter di Frank de Boer”. Ci vuole tempo, ma la strada presa all’Inter è giusta. Ogni allenatore dovrebbe avere una visione: Frank ce l’ha. Frank è abituato alle pressioni, e poi l’Inter è un grande club. Magari qualche anno fa avrei pensato più a Frank in Inghilterra o Spagna, ma le cose nel calcio accadono e bisogna cogliere certe opportunità. Ora Frank ha bisogno di tempo, è sempre impegnatissimo, studia due ore al giorno l’italiano. Si sta impegnando al massimo per immergersi nella Serie A. E non dimentichiamo che l’Italia ha grandi club come Juve, Inter, Milan, e anche Napoli, Roma o Fiorentina. C’è un pezzo di storia del calcio del quale parlavamo sempre con Van Basten e gli altri che sono venuti a giocare in Italia. Io penso che Frank avrà successo all’Inter, ma in ogni caso questa esperienza farà di lui un allenatore migliore“.

Una carriera spesso insieme tra Ajax, Barcellona e Rangers di Glasgow, attualmente però i due hanno preso strade diverse: ” Ho scoperto che posso fare tante cose legate al calcio senza essere impegnato 24 ore su 24. Mi piace fare il commentatore in tv, mi piace andare in giro a giocare con le Legends. Se fai l’allenatore, queste cose te le puoi scordare. Però mi piaceva molto insegnare ai ragazzi nel settore giovanile dell’Ajax e uno dei miei sogni è tornare a lavorare con Frank. Fra cinque anni, magari, e non perché sono suo fratello, ma perché potrò dare un contributo al club”.

Lo scetticismo iniziale su Frank de Boer era ed è tanto, Ronald ci spiega perché bisogna affidarsi e fidarsi del fratello: “Cinque anni fa era ancora un ex giocatore che sapeva come insegnare i movimenti e i gesti, adesso è più manager. Può fare da solo, anche se ovviamente è importante avere uno staff come quello che si è costruito, con collaboratori che parlano italiano e hanno vissuto in Italia. Bisogna avere una visione e saper essere flessibili. Le idee di calcio di Frank sono come le mie e non sono mai cambiate: serve gente che sappia giocare la palla, difensori compresi. Ricordo la mia seconda partita con il Barcellona: Van Gaal decise di schierarmi terzino, anche se ero un centrocampista. Giocavamo contro il Real Madrid e vincemmo 3­-0. Intendo questo quando dico che bisogna pensare a giocare la palla in ogni zona del campo. Ma a volte, quando trovi un avversario più forte, devi saperti adattare“.

L’Olanda patria di campioni e poi grandi allenatori, due su tutti, Van Gaal e Cruijff, ecco secondo Ronald da chi ha preso Frank: “È un mix. Cruijff era estemporaneo, Van Gaal sapeva che adesso nel calcio ci vuole una struttura a tutti i livelli. Frank ha assorbito questa passione per la struttura. Ovviamente vuole vincere ogni partita e non sarà contento se perderà o anche se pareggerà. Vuole diventare campione d’Italia, per il momento direi che è realistico lottare per le prime posizioni. Questo però è quello che vedo io: Frank penserà sempre in grande, come è giusto che sia nel suo ruolo”.

Olanda, Eredivisie e un rapporto con l’Ajax che poteva essere a vita ma non lo è stato: “Frank ha lasciato l’Ajax perché ha capito che lì stava ripetendo se stesso, ma il nostro legame con il club sarà sempre forte. Purtroppo non possiamo più lottare per le coppe perché i migliori vanno via troppo presto. Non siamo più in grado di tenerli. È utopia pensare di vincere ancora la Champions League. In Italia ci sono ancora soldi nel calcio, c’è chi investe. La Juve può già vincere la Champions: è un mix di giovani e esperti, come eravamo noi nel 1995. Per creare grandi squadre ci vogliono talenti giovani e gente di personalità. 

All’Inter la cura de Boer si è vista nel punire chi non rispetta le regole, vedi Brozovic e Kondogbia: “Frank ha a cuore disciplina e rispetto ed è giusto che sia così: siamo cresciuti pensando che il rispetto per gli altri fosse la prima cosa e anche un minuto di ritardo è importante. Frank non è duro, è onesto e diretto. Una persona aperta e amichevole. Ci litigo anche io, succedeva spesso. Siamo sempre stati molto critici l’uno con l’altro, soprattutto lui con me. Frank era quello sempre concentrato, io sembravo giocare con noncuranza e lui si arrabbiava. In campo litigavamo e gli altri dicevano: “Oh, non la finiranno mai di discutere”. Invece per noi dopo due minuti era tutto dimenticato. Mi diceva cose che poteva dirmi perché era lui: un altro lo avrei preso a pugni. Ma abbiamo diviso la stanza da letto per 25 anni, Frank è il mio migliore amico e sa che può contare su di me. Anche se c’è da soffrire in tribuna”.

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl