Icardi: "Ecco perché il libro si chiama 'Sempre Avanti'. Maradona? Dico che..."

Icardi: “Ecco perché il libro si chiama ‘Sempre Avanti’. Maradona? Dico che…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Mauro Icardi, alla presentazione del suo libro alla Galleria Rizzoli, si è intrattenuto con Massimiliano Nebuloni di SkySport.

Dopo avergli fatto sentire le parole di Maradona (che oggi lo ha definito nuovamente un traditore), Icardi ha risposto: “Come giocatore è stato uno dei migliori al mondo, ma va alla partita della pace a fare una figuraccia, esattamente come l’anno scorso. Ciò che dice non c’entra niente con la pace. E’ stato un gran calciatore, ma come persona non è un esempio per nessuno“.

L’attenzione però è tutta per il suo libro: “Perché si chiama “Sempre Avanti”? Sono due parole che mi ricordano mio padre. La mia famiglia ha sempre fatto molti sacrifici, poi iniziai a giocare e lui mi ricordava sempre questi concetti. Il titolo è una dedica a lui. Il momento più emozionante che ho scritto nel libro? Tutti i capitoli, perché sono storie della mia vita e parlano delle persone che sono qua vicino a me

Non si può non parlare dell’Inter e in particolare del suo rendimento: “Non so perché andiamo sempre sotto: dobbiamo lavorare al massimo, la squadra è forte. Durante la sosta abbiamo lavorato bene: dobbiamo giocare contro la Juventus, dobbiamo avere continuità. Io un Top Player? Faccio solo il mio lavoro, la società mi fa sentire importante e voglio ripagare la fiducia che ripongono in me“.

icardi

Infine sulla Nazionale: “Prima o poi arriverà il momento. Sono contento di essere considerato un giocatore da Nazionale, visti i campioni che il ct ha a disposizione“.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy