Zanetti e l’Inter argentina del futuro: ecco tutti i nomi

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Samuel, Cambiasso, Milito: tre nomi che ricordano ai tifosi interisti gli ultimi trionfi targati Moratti e Mourinho. Tre ruoli diversi, ma una caratteristica comune: la nazionalità argentina, la stessa di Javier Zanetti, unico di quel gruppo di ferro ad essere rimasto vicino ai colori nerazzurri mediante un contratto. Il tempo li ha divisi, ma la storia dell’Inter è sempre stata legata a grandi nomi provenienti da quella terra del Sudamerica, oltre a loro, infatti, ricordiamo Simeone, Veron, Almeyda, Batistuta, Burdisso, Crespo, Cruz, Diaz, Angelillo e tanti altri.

milito_zanetti_cambiasso_ansa

TANGO ARGENTINO L’Inter ha sempre avuto un pezzo d’anima argentina e Javier Zanetti, attuale vicepresidente del club, ma con diverse mansioni e compiti ad ampio spettro, che si spingono fino al mercato (Banega e Ansaldi ne sono un esempio), vuole che in Pinetina si ritorni a ballare il Tango. A Palacio, Icardi e Carrizo si aggiungeranno per l’appunto l’ormai ex Siviglia e l’esterno che Gasperini ha saputo rilanciare nel corso dell’ultima stagione. Ma non è tutto, perché il futuro potrebbe ulteriormente tingersi di albiceleste.

ECCO I NOMI “Mammana? Ci piace”, ebbe a dire poco tempo fa Javier Zanetti, quando a domanda precisa rispose senza nascondersi. Così come piace anche Rodrigo Bentacur. E Jonathan Calleri, tra lui e l’Inter ci si è messo un fondo di investimento, così non fosse stato, a gennaio scorso l’attaccante sarebbe potuto arrivare in nerazzurro,. Non fosse arrivato Ansaldi, invece, l’Inter sarebbe andata su Zabaleta, argentino pure lui, come Lucas Alario, attaccante del River che piace moltissimo alla società di corso Vittorio Emanuele, senza dimenticare Ezequiel Garay, difensore centrale che potrebbe sostituire Murillo. Da sottolineare come anche la guida tecnica l’anno prossimo potrebbe essere argentina, perché prima o poi Diego Pablo Simeone arriverà. Lo ha detto lui stesso, c’è da crederci.