Clamoroso in Svezia, espulso per un peto. Il giocatore: “Una chiamata di m…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Insolita, particolare, probabilmente prima ed unica al mondo la motivazione che è costata al giocatore svedese Adam Lindin Ljungkvist il cartellino rosso durante un incontro di calcio: il terzino del Pershagen SK (nona serie) è stato infatti espulso a causa di un peto, giudicato dall’arbitro come gesto antisportivo.

adam-lindin-ljungkvist-farting-footballer_oihg0dgqk4ga1i75vo1y978x6“Negli ultimi minuti avevo un po’ di mal di pancia e mi è scappato un peto, l’arbitro l’ha sentito e mi ha mostrato il secondo giallo. Sono andato su tutte le furie, non riuscivo a crederci, forse pensava che lo avessi fatto per provocare un avversario, ma in realtà il mio peto era assolutamente innocente. Secondo l’arbitro si trattava invece di un comportamento antisportivo”.