GdS – Potrebbe essere Kondogbia il miglior acquisto dell’Inter

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Geoffrey Kondogbia ha voglia di ricominciare e per farlo, come riporta la Gazzetta dello Sport, è perfino andato alla “fonte”.

La sua sorgente è “mamma Africa“. Dopo esser aver visitato gli Usa ed aver assistito a gara 5 della finale dei playoff Nba, con i capelli biondo platino, il colosso nerazzurro ha deciso di andare nel paese di origine dei suoi genitori e della sua famiglia, per ritrovare sé stesso ed i suoi legami in uno dei paesi più poveri del mondo, nella Repubblica Centro Africana. Lui, come suo fratello,che però gioca per il paese africano, ha mantenuto il doppio passaporto e proprio lui ha postato una foto su Instagram del suo viaggio, battezzando l’esperienza come “la source” (la sorgente ndt).

La speranza è che questa sorgente rigeneri il giocatore, lo faccia proseguire nel miglioramento che ha iniziato qualche mese fa, dopo un difficile avvio e consegni a Mancini una pedina fondamentale per l’Inter 2016/2017.

derby_kondogbia

La prima stagione italiana di Kondogbia si può catalogare come una parentesi di ambientamento, in cui ci sono stati molti bassi ed pochi alti. Le sue difficoltà sono iniziate già dal ritiro a Riscone di Brunico durante la preparazione,  dove venivano svolti carichi di lavoro ben diversi da quelli affrontati al Monaco.
Poi con il tempo, il giocatore ha iniziato ad adattarsi e Mancini a conoscere il vero Kondogbia.

Kondogbia è cresciuto gradualmente negli ultimi 4 mesi con il picco del 16 aprile contro il Napoli. In quel match il francese ha preso per mano la squadra, accompagnandola alla vittoria ed alla sua uscita è stata standing ovation.

Il lavoro da fare è ancora molto, soprattutto a livello tattico, ma lui, il tanto chiacchierato Geoffrey Kondogbia, rinnovato e maturato, potrebbe essere il miglior acquisto dell’Inter per la prossima stagione.

Poi magari con Banega e Yayà Tourè ai suoi fianchi ci sarà più gusto a giocare, a sradicar palloni agli avversari ed inserirsi più spesso in area per segnare di più, per aiutare di più la squadra, perché è impensabile che un giocatore come lui, segni solamente un gol in una stagione.

La sua ripresa potrebbe anche servire a far ricredere Deschamps sulle scelte tecniche. L’esclusione dall’Europeo lo ha amareggiato, ma la sorgente potrebbe rimetterlo in riga anche sul fronte nazionale.