Jindong e la svolta Inter: il presidente Suning è tra gli uomini più ricchi della Cina

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’arrivo in Italia di Zhang Jindong si può considerare storico. Infatti, come riporta la Gazzetta dello Sport, il magnate cinese è il primo a vantare una società che ha una struttura economica nettamente superiore a quelle di Thohir o Pallotta.

Jindong è il 28esimo uomo più ricco della Cina e il 403esimo al mondo con un patrimonio personale di 3,7 miliardi di euro, secondo Forbes. Inoltre, il presidente di Suning è supportato dal governo di Pechino, poiché l’obiettivo del progetto è quello di trasformare la Cina a nuova potenza del calcio globale, in grado di ospitare la Coppa del Mondo nel 2030, ed un giorno vincerla. thohir-Jindong

Il proprietario di Suning partì da un semplice negozio di condizionatori ed ora è a capo di una multinazionale che ha 1700 negozi ed oltre 13mila dipendenti: Suning è il leader nell’elettronica e nell’e-commerce ed ha un fatturato di 18 miliardi di euro (quasi quattro volte superiore a Fininvest, proprietaria del Milan), cresciuto nel 2015 del 24%, avendo un profitto di circa 117 milioni. In ogni caso bisogna considerare che nel calcio i soldi non sono sinonimo di vittoria: gli esempi di Psg (vincente solo in Francia) e Manchester City (tentennante anche in patria) sono emblematici, senza dimenticare che le 3 superpotenze Real Madrid, Barcellona e Bayern sono composte da azionariato popolare e non hanno soci munifici.