IL SONDAGGIO – La maggioranza dell’Inter è del Suning Holdings Group, siete contenti? Ecco il parere dei tifosi: i risultati

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Ieri, 6 giugno, abbiamo aperto sui nostri social un sondaggio, terminato quest’oggi alle 17, attraverso il quale abbiamo esposto ai nostri utenti un quesito ben preciso: È ufficiale: la maggioranza dell’Inter passa nelle mani del Suning Holdings Group. Thoir adesso detiene il pacchetto minoranza e la carica di Presidente, mentre Moratti esce di scena. Siete soddisfatti della nuova ripartizione delle quote societarie e di questo cambiamento epocale? Le risposte possibili erano (SI), (NO).

13393002_10208327890867570_511140510_n

La domanda è stata posta da Spazio Inter su Twitter (37 voti) e Instagram (51 voti). In totale, dunque, i votanti al sondaggio sono stati 88. Di seguito, tutti i dati singoli e complessivi sui due social network.

TWITTER (37 voti)

A: 31 voti / 84%

B: 6 voti / 16%

INSTAGRAM (51 voti)

A: 38 voti / 75%

B: 13 voti / 25%

TOTALE (88 voti)

A: 69 voti /79,5 %

B: 19 voti /20,5 %

Un dato, quello delineato dalle votazioni dei followers di Spazio Inter, che mette in evidenza quanto i tifosi nerazzurri siano soddisfatti dell’acquisto della maggioranza della società nerazzurra da parte di Suning. Il totale dei votanti, ovvero il 79,5 %, si dice soddisfatto del cambio epocale a cui la Beneamata sta andando incontro; solo il 20,5% sembra non trovarne aspetti positivi.

Il motivo del sì è presto detto: con l’avvento di un nuovo investitore, in particolare di un colosso cinese tra i più ricchi al mondo, l’Inter si appresta a divenire nel corso dei prossimi anni una superpotenza del calcio europeo. O meglio, la sensazione è che, anche nel breve, i nerazzurri potranno tornare ad investire seriamente sul mercato. Il motivo del no, invece, è probabilmente dato dal fatto che il 31% delle quote sia ancora in mano a Thohir, o che Moratti – ultimo grande Presidente tifoso – abbia mollato definitivamente le redini nerazzurre, seppur fossero decisamente al minimo; oppure perché alcuni tifosi e nostri followers non credano fino in fondo che il colosso cinese voglia, oltre ai propri interessi, anche il bene dell’Inter.