GdS - In attesa dell'acuto di Icardi per blindare il quarto posto

GdS – In attesa dell’acuto di Icardi per blindare il quarto posto

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

L’Inter deve difendere il quarto posto a tutti i costi e Maurito Icardi può essere l’arma decisiva.
Come riporta la Gazzetta dello Sport la posizione in classifica garantirebbe l’accesso diretto ai gironi di Europa League, non metterebbe a rischio la tournée americana e non limiterebbe le vacanze dei giocatori.

Il capitano nerazzurro per evitare ogni problema partirà per le vacanze già il 16 maggio, ma prima c’è da chiudere al meglio questa stagione.
Quale miglior preda per il killer nerazzurro dell’Empoli prossimo avversario?

esultanzaIcardi

I precedenti parlano chiaro. Maurito infatti lo scorso 31 maggio era in lotta con Luca Toni per il titolo di capocannoniere e per rispondere all’italiano che, con il gol alla Juve era arrivato a quota 22, cercava una doppietta.
Nonostante i giochi fossero fatti e l’Inter fosse già fuori da tutto, Maurito contro l’Empoli fece una partita straordinaria, servì due assist a Palacio e Brozovic e segnò una doppietta. Ancor più importante fu il gol che il 6 gennaio gelò i toscani e regalò l’ultima giornata in testa al campionato ai nerazzurri prima del tracollo.
Mancini si aspetta lo stesso anche questa volta.

La Rosea azzarda, riportando il fatto che per Maurito potrebbe anche essere l’ultima partita davanti ai suoi tifosi. Fra poco si aprirà il balletto del mercato ed Icardi, per monetizzare, è il pezzo da 90 dell’Inter. Con un’offerta dai 40 milioni in su sarebbe difficile trattenerlo. Ma la fede nerazzurra del numero 9, potrebbe far desistere ogni pretendente.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy