Inter Primavera, chi di voi in Prima Squadra nella prossima stagione?

L’Inter Primavera ha vinto la Coppa Italia di categoria vincendo 0-1 a Torino e 2-1 a Milano contro la Juventus di Fabio Grosso. I nerazzurri, come ogni anno, dimostrano di avere discreta qualità (anche se meno rispetto alla stagione scorsa), tanta quantità, umiltà ed encomiabile voglia di arrivare al successo, di definire gli obiettivi prefissati. Ma chi e quanti dei ragazzi della primavera nerazzurra assaporeranno San Siro con la Prima Squadra nella prossima stagione?

Due pedine della baby Inter che ieri ha sconfitto i giovani bianconeri sono già alla corte di Mancini e sono Rej Manaj Assane Gnoukouri, con l’albanese che, per la verità, è “sceso” in Primavera per dare una (decisiva) mano ai suoi compagni, perché il classe ’97 è (quasi) saldamente tra i convocati del Mancio per la consueta giornata di campionato.

bonetto 2

Partiamo dal centrocampo e da Mattia Bonetto, il capitano della compagine allenata da Stefano Vecchi; titolare inamovibile, divenutone un pilastro da cui è doveroso prescinderne. Il classe ’97 di Montebelluna, in provincia di Treviso, è dotato di una dote che spicca rispetto alle altre: il carattere, forgiato dall’esperienza accumulata nel corso della sua ancora breve carriera. Un mediano con notevoli doti individuali, in grado di recuperare innumerevoli palloni e far ripartir velocemente l’azione. Insomma, un centrocampista di spessore, capace di giocare anche di fino. Sarà lui il regista della nuova Inter?

LEGGI ANCHE:  Scamacca, il Milan ci prova ma la sua volontà è chiara: la decisione

zonta

Passiamo ad un altro centrocampista: Loris Zonta, l’autore del gol vittoria di ieri, sigillato grazie all’assist dalla propria area di radu. II classe ’97 di Bassano del Grappa rispecchia il classico centrocampista moderno, abile in entrambe le fasi di gioco, quindi sia in fase di copertura che di costruzione. Il piede prediletto è il destro, e necessita di migliorare nell’uso del sinistro, piede che utilizza solo se necessario. “Esordio in prima squadra? Spero arrivi il prima possibile” ha commentato il baby nerazzurro nel post partita di ieri. Ebbene, che possa divenire lui il rimpiazzo in caso di dipartita di Brozovic?

SESTO SAN GIOVANNI, ITALY - DECEMBER 13:  Andrea Pinamonti (C) of FC Internazionale Milano celebrates his goal during the juvenile match between FC Internazionale and AC Milan at Stadio Breda on December 13, 2015 in Sesto San Giovanni, Italy.  (Photo by Marco Luzzani - Inter/Inter via Getty Images)

In attacco, chi potrebbe fare le “veci” ad IcardiAndrea Pinamonti. È vero, è ancora molto giovane (classe 1999) e farà certamente un altro anno nei Primavera, considerando che arriva direttamente dagli Allievi (!); ma nel corso della storia del calcio, ci siamo abituati a vedere 16enne debuttare in Prima Squadra con la speranza di intravedere il nuovo fenomeno del calcio europeo/mondiale. Ebbene, il giovane di Cles (Trento) è un bomber di razza, il classico centravanti che ogni allenatore brama avere con sé in squadra, al quale basta un pallone per gonfiare la rete avversaria.

Allora perché non sognare, sperando di vedere un nerazzurro debuttare in Prima Squadra già alla “tenera” età di 16 anni? Ai posteri l’ardua sentenza.

 

 

Siamo su Google News: tutte le news sull' Inter CLICCA QUI