CdS – Ecco come l’Inter ha sprecato il grande vantaggio che aveva

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Approfittando di una Roma allo sbaraglio, escluse le prime settimane del campionato, di un Milan troppo poco costante e di una Fiorentina che sul lungo si è persa un po’, l’Inter aveva costruito un bel vantaggio e finalmente sembrava arrivato il momento di agguantare il terzo posto, valido per il ritorno in Champions League. Oggi invece, con la Roma lanciatissima, l’Inter ha già abbandonato il sogno (anche se le dichiarazioni, solo di facciata, dicono altro).

Il Corriere dello Sport analizza il modo in cui l’Inter, da situazioni di vantaggio, abbia buttato ben 14 punti. Ne sarebbero bastati la metà per giocarsi ancora le chance Champions, invece si annaspa a 8 punti dai giallorossi di Spalletti.

interroma4 giusta

L’ultimo suicidio nerazzurro è recentissimo: domenica a San Siro con il Torino, l’Inter controlla, chiudendo il primo tempo sull’1 a 0 senza aver subito un tiro in porta. Nella ripresa però, la follia di Miranda, errori grossolani e il Torino ribalta prendendosi i 3 punti. Situazione simile a Firenze: vantaggio con Brozovic, squadra messa bene che riesce ad arginare abbastanza bene gli attacchi viola. Poi nel secondo tempo, espulsione di Telles e la Fiorentina trova il 2 a 1 nel recupero. Sono già 6 i punti, poi ci sono i pareggi con Palermo, Roma e Carpi. Tre partite dove si è passati in vantaggio e ci si è fatti recuperare. Incredibile soprattutto il passo falso con gli emiliani, con gol subito al 93esimo con l’uomo in più. Poi c’è l’assurda partita di Verona: 1 a o con Murillo dopo pochi minuti, poi la difesa va in letargo e il Verona scappa sul 3 a 1. Finisce 3 a 3 ma sono considerati comunque punti persi.

Tutto nel girone di ritorno o quasi. 5 gare su 6 di queste con rimonte subite, sono arrivate da gennaio in poi, con la squadra che nella seconda metà del campionato si è spenta, è cambiata radicalmente, perdendo tutto quanto di buono fatto fino a dicembre. 12 gare subiti nel girone di andata senza prendere gol, mentre ora, che ne mancano comunque 7, è successo una sola volta con il Chievo. Poi ci sono i gol dall’80esimo in poi. Ben 5 punti persi per i gol nel finale, con ben 9 gol subiti negli ultimi 10 minuti. Un tesoretto sprecato che ha portato via una stagione iniziata alla grande.