LE PAGELLE / Juventus-Inter, Bonetto goal, i nerazzurri espugnano lo Stadium

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Ecco le pagelle dei nerazzurri dopo Juventus-Inter, finale d’andata della Primavera Tim Cup, conclusasi con il risultato di 1-0 per i nerazzurri. Vittoria sofferta, ma meritata.

inter primavera

Radu 6: poco reattivo sul tiro di Kastanos al 38′, per il resto assiste senza nessun intervento di rilievo alle sortite offensive dei bianconeri, salvato dai compagni di squadra e dall’imprecisione degli attaccanti della Juventus.

Gyamfi 6,5: match di qualità per il pimpante il giovane ghanese che sulla fascia destra crea numerosi problemi a Zappa, spingendo con molta convinzione. Nel finale di primo tempo salvataggio miracoloso sul tiro a botta sicura di Vadalà.

Gravillon 6,5: nel finale di primo tempo thriller dei nerazzurri, si dimostra decisivo anticipando Favilli, mettendo in corner. Anticipa spesso il suo diretto avversario, con tempismo perfetto.

Della Giovanna 6,5: il capitano nerazzurro guida con personalità la difesa nerazzurra, ma soffre un pò troppo la velocità di Vadalà. Uscito l’argentino controlla con maggiore tranquillità.

Miangue 5: il terzino nerazzurro si fa saltare troppe volte nel finale di primo tempo. Infatti dalla sua fascia si creano le migliori occasioni bianconere. Troppo impreciso in fase di impostazione.

Zonta 7: inizio super del numero 7 nerazzurro che recupera molti palloni, sbrogliando numerose situazioni delicate. La sua velocità di pensiero permette, insieme alla sua visione di gioco, di far ripartire più volte le sortite offensive dei nerazzurri.

Gnoukouri 5,5: il centrocampista ivoriano è in netta difficoltà, chiuso nella gabbia preparatagli da Grosso. Si limita al compitino e soffre un pò troppo le ripartenze bianconere, perdendo palloni in zone pericolose del campo. Meglio nella ripresa con maggiore ordine e qualità.

Bonetto 7: insieme a Zonta è il migliore dei nerazzurri. Autore del goal, corsa, grinta e tanta sostanza, mettendo in mostra le sue qualità e provando più volte a colpire la retroguardia bianconera.

Delgado 5: si spegne troppe volte durante la partita. Qualche spunto di qualità, ma poi scompare dalla partita. (dal 58′ Kouame 6,5: entra subito in partita con un’occasione clamorosa al 63′, ma spreca colpendo debolmente di tacco. La sua vivacità elettrizza l’attacco nerazzurro, creando più pericoli, con maggior movimento.

Manaj 6: fa quel che può l’attaccante albanese, ma è troppo isolato e poco servito. Ci si aspetta di più da un giocatore della sua classe. Gara di sacrificio particolarmente apprezzata dal suo allenatore. (dall’84’ Appiah s.v.: entra nei minuti finali per sostituire lo stanchissimo Manaj)

Baldini 5,5: qualche spunto interessante ma la sua fantasia è poco supportata dai compagni. Non trascina la squadra come Vecchi vorrebbe. (dal 91′ Popa: entra nel finale per proteggere il vantaggio di Bonetto).

Allenatore Stefano Vecchi 7: imposta egregiamente la partita, disponendo in maniera quasi perfetta la sua Inter in campo, portando a casa una vittoria fondamentale per la gara di ritorno a San Siro. Nel maggiore momento di difficoltà, incita la squadra e sistema tatticamente l’11 nerazzurro nella ripresa, cambiando il deludente Delgado. Vittoria sofferta ma meritata.