TS – Inter-Simeone, il matrimonio s’ha da fare. Nel 2017…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

La programmazione futura è l’asso da utilizzare per chi pensa in grande, per l’Inter l’anno della svolta potrebbe essere il 2017, contratti in scadenza e una corte che da entambe le parti sembra portare ad un matrimonio, il sì da pronunciare è quello di Diego Pablo Simeone.

Simeone

Il Cholo, scrive Tuttosport, sembra l’erede designato di Roberto Mancini, con il corteggiamento che non parte dall’Inter verso Simeone ma avviene l’esatto contrario, con l’allenatore dell’Atletico Madrid che lo spiega in maniera molto chiara: “Nella mia carriera mi aspetto di andare in certi posti prima o poi, non oggi perché sto bene a Madrid ma arriverà la possibilità di tornare a Milano. Non è un sogno, è una situazione che m’immagino, come mi immaginavo tornare a Madrid“.

Non dimentichiamo che all’Inter lo sponsor principale di Simeone è Javier Zanetti, l’unico nella dirigenza interista a non avere problemi con il contratto (scadenza a giugno ma rinnovo che è formalità) mentre nel 2017 scadrà il mandato di Bolingbroke, di Gardini e di Ausilio, oltre ovviamente a quello di Roberto Mancini.

La Champions sarebbe fondamentale, l’ultima partita giocata nella competizione risulta nel 2012, sembra un secolo fa con Ranieri in panchina, e ne Mazzarri ne Mancini hanno centrato l’obiettivo, vuoi per incertezza societaria il primo e per la rinascita di un progetto il secondo.

Guidare l’Inter per un ulteriore anno potrebbe portare Mancini ad una nuova possibilità Champions, cercando poi nella prossima primavera un’altra prestigiosa panchina, lasciando poi il testimone a Simeone pronto poi a rivitalizzare i nerazzurri come con l’Atletico Madrid, squadra che ha spezzato l’egemonia di Real e Barcellona nella Liga, andando ad un passo dalla conquista di una storica Champions League.

L’unica pecca, ma è relativa, il sentimento di rivalsa di Moratti con Simeone, con quel 5 maggio 2002 in cui il Cholo segnò all’Inter, data mai dimenticata e mai perdonata ma se in tempi recenti l’ex presidente ha riappacificato i rapporti con Ronaldo nulla vieta sbarrare la strada del matrimonio tra il carisma di Simeone e i colori nerazzurri.