GdS – Cauta fiducia nel prosieguo del campionato. L’Inter prova lo scatto

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Sta per ripartire il grande circo della serie A e questa volta non ci saranno più pause. Il tempo delle chiacchere e delle scuse è terminato e a questo punto, come riporta la Gazzetta dello Sport, chi si ferma sarà “disperso in classifica”.

Roberto Mancini ha tracciato la strada per arrivare in zona Champions e l’unico modo sembra essere quello di vincere le prossime 8 gare e sperare in qualche battuta d’arresto di Fiorentina e Roma.
24 punti per poter sperare, magari sfruttando la buona sorte del calendario, che ha riservato ai nerazzurri per l’ultima parte di stagione 7 gare con squadre posizionate più in basso in classifica ed un solo scontro diretto contro il Napoli a San Siro.

La Rosea sottolinea come dei 55 punti conquistati dall’Inter finora, 50 so­no stati raccolti nei 23 scontri con squadre che stanno dietro in classifica, tenendo una media di 2,1 punti a partita, mentre con le quattro squadre che la precedono, il risultato è di 5 punti in 7 incontri, cioè 0,7 a match. Davvero un po’ poco quello fatto dalla banda Mancini negli scontri diretti ed un’impressionante velocità tripla nei match contro le altre squadre.

Mancini-Icardi

Il calendario potrebbe anche venire incontro ai nerazzurri ma in serie A le insidie si possono celare ovunque e le motivazioni possono fare la differenza.

La trasferta di Frosinone, per esempio potrebbe sembrare facile, in realtà la squadra sta costruendo i propri sogni salvezza proprio tra le mura amiche, da tre gare non prendono gol e nel 2016 hanno vinto lì solo Juventus e Napoli.
Un’altra sfida insidiosa potrebbe essere quella a Genova dall’ex Gasperini o addirittura l’ultima di campionato a Reggio Emilia contro il Sassuolo.  Impossibile ora azzardare giudizi sulle partite che saranno, dipenderà dalla fortuna, dalle motivazioni e dai valori che ci saranno di volta in volta.

Quel che è certo è che l’Inter dovrà giocare 8 finali e possibilmente vincerle tutte, per non avere nessun rimpianto.