Donadoni: "Inter grande squadra ma neanche da giocatore volevo batterla a tutti i costi. Sulla formazione..."

Donadoni:

Alla vigilia di Inter-Bologna anche Roberto Donadoni ha parlato in conferenza stampa. Ecco quanto raccolto da TuttoBolognaWeb.

"Sappiamo di andare ad affrontare una grande squadra, che ha ritrovato una certa continuità e che ha grandi obiettivi. La rosa nerazzurra è formata da giocatori top, ma questo deve essere uno stimolo. Dobbiamo far bene in fase di rifinitura e concretizzare le occasioni che ci capiteranno: saranno poche, per questo dobbiamo essere particolarmente cinici”.

Abbiamo fatto buone cose in questo periodo e abbiamo creato tanto, non solo grazie al contropiede, come può aver fatto il Carpi domenica scorsa, ma ad azioni manovrate. Dobbiamo finalizzare e su questo possiamo lavorarci. Tante volte ci sono ragazzi che vicino alla porta diventano frenetici, ma il giocatore di classe riesce ad essere freddo“.

Il centrocampo? I ragazzi stanno facendo bene, ma mi aspetto ancora di più. Sicuramente ho a disposizione alternative valide come Brighi, Pulgar e Crisetig. Mounier è febbricitante da un paio di giorni, difficilmente sarà a disposizione per la partita di domani. Taider? Sta facendo bene, sono convinto che possa fare ancora meglio. È il mediano che ha più dinamismo e inserimento. È un giocatore ha caratteristiche ben precise, quando fa quello che sa fare è positivo per la squadra. A volte però sbaglia un po’ troppo e perde qualche pallone”.

Inter? Non cambia nulla. Anche da calciatore non ho mai vissuto questa partita con la necessità di dover vincere per forza. Ho sempre visto la Beneamata come un avversario qualsiasi. La Nazionale non sarebbe una rivincita, non ho bisogno di rivincite. Un derby per la panchina dell’Italia con Mancini? Onestamente non c’è nessun derby. Ho giocato in Nazionale con Mancini, abbiamo un buon rapporto. Mancini aveva molto talento, in azzurro ha forse fatto meno di quanto potesse per vari motivi".

Zuniga non ha ancora i 90 minuti nelle gambe. Il suo processo di crescita dal punto di vista fisico è stato frenato dal grave lutto. Ora sta meglio, sta facendo lavori specifici in palestra per prevenire ricadute. Mi auguro di poterlo schierare quanto prima in campo. È un giocatore che ha un tasso tecnico superiore alla media, la condizione fisica però fa la differenza. L’Inter ultimamente sta giocando con giocatori più qualitativi rispetto al recente passato. I nerazzurri hanno cambiato parecchi giocatori, noi però dobbiamo pensare a noi stessi”.

destro-donadoni-300x225

Destro e Giaccherini sono due calciatori con qualità importanti. Entrambi devono sentirsi responsabilizzati proprio perché hanno un tasso tecnico elevato. Mattia potrebbe giocare anche in grandissimi club come Real e Bayern, ma alcune volte vivacchia. Mi fa arrabbiare perché ha le potenzialità di fare più gol. Se c’è bisogno lo prendo anche a cazzotti, pur di far uscire la grinta necessaria”.

Morleo? Preferisco aspettare qualche giorno per averlo pienamente a disposizione più avanti. Spero di poter contare al più presto su Krafth per capire meglio quello che può dare al Bologna. Zuculini è un grande professionista, si allena sempre al meglio”.

Siamo su Google News: tutte le news sull' Inter CLICCA QUI

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram