Adriano riparte dagli USA, all'Inter una storia d'amore finita male

Adriano riparte dagli USA, all'Inter una storia d'amore finita male

La storia di Adriano Leite Ribeiro è un libro aperto. È la storia di un calciatore che aveva tutto per diventare un campione, e che ha fatto di tutto per non riuscirci.

L’Inter lo nota e, nel 2001, lo porta a Milano, ma soffiare il posto a Ronaldo, Vieri, Recoba e Kallon è un’impresa. Così, dopo aver segnato il primo gol al Venezia, a gennaio il giovane Imperatore viene mandato in prestito alla Fiorentina, dove, nonostante la retrocessione della squadra, riesce a segnare 6 gol. L’anno dopo si accasa al Parma in prestito biennale e con Mutu forma una coppia esplosiva, trascinando la squadra fino a sfiorare la Champions; a fine stagione saranno 15 gol per lui e 18 per il rumeno.

A gennaio l’Inter lo richiama a sé. Con 9 gol sarà decisivo per la qualificazione alla Champions, arrivata per ironia della sorte grazie ad una sua punizione vincente contro il Parma. Nel 2004 e 2005 continua a segnare, raggiungendo quota 12 e 13 in campionato, poi qualcosa si rompe. Adriano inizia a frequentare locali notturni e, soprattutto, a bere, litiga con Mancini e viene escluso dalla lista Uefa. Alcuni giornali parlano anche di una dipendenza da droghe. L’Inter, dopo aver cercato invano di aiutarlo, di comune accordo con il procuratore lo manda in prestito semestrale al São Paulo. In Brasile Adriano ricomincia a segnare, ma una volta tornato in nerazzurro, a causa di continui ritardi agli allenamenti, litiga con il nuovo allenatore Mourinho e viene messo ai margini della rosa.

aA 34 anni, Adriano prova a rimettersi in gioco e lo fa in MLS. Dopo la sua presentazione come nuovo giocatore del Miami United, avvenuta ieri, l’ex ‘Imperatore’ ha avuto modo anche di parlare del suo passato all’Inter: “L’Inter è la mia seconda casa, l’ho sempre detto ed è ancora così”, ha dichiarato il brasiliano. “L’Italia è stata la mia vita, sono molto grato per quello che è successo in quegli anni, perché avevo sempre sognato di essere un calciatore dell’Inter. Sono certamentepentito delle cose che ho fatto, ma ora non è il momento di parlare nel passato. Va dimenticato, sennò restiamo sempre qui a parlare delle stesse cose. Adesso ho una nuova vita, ed è di questa che voglio parlare”.

 

ECCO IL VIDEO DELLE SUE MIGLIORI PRODEZZE CON LA MAGLIA NERAZZURRA:

Siamo su Google News: tutte le news sull' Inter CLICCA QUI

Giulia Bianchi
Leggi i suoi articoli
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram