Zanetti: "Passione e lavoro per arrivare al Triplete. Quando Balo gettò la maglia..."

Zanetti:

Il vicepresidente nerazzurro Javier Zanetti, storico capitano dell'Inter, è stato ospite alla Cattolica per parlare di leadership, soffermandosi sui valori fondamentali per raggiungere il successo nel campo lavorativo,nel suo caso sportivo, come successo nell'indimenticabile Triplete. Di seguito le risposte alle domande dei numerosissimi studenti presenti all'incontro:

"«Agli studenti mi sento di dire di fare le cose con passione e con una cultura del lavoro». Nei giorni in cui il dibattito calcistico italiano è impantanato sulla questione Totti, un’altra bandiera – una delle ultime – ha fatto visita all’Università Cattolica di Piacenza per incontrare gli studenti dell’ateneo. Javier Zanetti, 43 anni, argentino di Buenos Aires ormai trapiantato a Como, è stato al centro di un incontro sulla leadership, moderato dal professor Daniele Fornari, e a cui hanno partecipato anche il dg del Piacenza Calcio Marco Scianò e Filippo Colla dei Giovani Industriali. Dopo 19 anni di Inter e il “triplete” del 2010, non vede cedimenti il legame tra il campione nerazzurro e gli interisti. Ma Zanetti è uno di quei pochi calciatori (o ex) in grado di attirare le simpatie e il rispetto degli appassionati di ogni squadra. Ora è impegnato nel suo nuovo ruolo manageriale di vicepresidente della Beneamata: «Ho studiato per questo incarico, sto perfezionando l’inglese, è una nuova vita.  L’obiettivo è ora quello di costruire una società con dei valori importanti».

Zanetti - che ha ricevuto dal presidente del Piacenza Gatti la maglia biancorossa con il suo nome - si è sottoposto alle domande e alle curiosità di studenti, professori, imprenditori, bambini - «Verresti a trovarci?» ha infatti chiesto un bimbo di una scuola calcio con la sua maglia  - e tifosi. «Sono contento di essere qui. Sinceramente é una bella responsabilità  fare il professore per una mattina. Il senso di appartenenza a una squadra é fondamentale. I giovani devono capire che senza sacrifici non si ottiene nulla. Su un’opportunità bisogna costruire una carriera. Agli studenti mi sento di dire che devono fare tutto con passione nella vita».

Più simpatica – ha azzardato qualcuno - la Juventus o il Milan? «Ho grande rispetto per entrambe». Messi o Maradona? «Idem, Messi è il migliore al mondo - contro il Barca nel 2010 ero diffidato e Mourinho mi disse che l’avrei marcato: pensavo di essermi giocato la finale -, Maradona ha dato tanto alla nostra Nazionale.  Siamo fortunati che siano argentini». Ronaldo o Cambiasso? «Ronaldo un fenomeno – tu correvi da una parte e lui dall’altra - ma il “cuchu” é un amico. Il secondo». Maldini o Totti? «Ho sempre ammirato la carriera e la professionalità di Maldini,  siamo amici fuori dal campo. Spero che Francesco possa finire al meglio la sua carriera». Meglio vincere tre scudetti o una Champions? «Meglio vincere, però Madrid è stato uno dei momenti più belli della mia vita». Terzino o centrocampista? «Preferivo terzino» . Giocatore o dirigente? «Il calcio mi ha regalato molto in 23 anni di carriera, spero di avere altrettanto successo come dirigente».

La leadership di Zanetti è questione genetica.  «Il mio modello è sempre stato mio padre. Era un muratore,  vedevo i sacrifici che faceva con mia madre per non farci mancare nulla. Si alzava alle 5 di mattina e tornava alla sera: dopo cena andava subito a dormire perché si doveva alzare presto e faticare. Da lui ho imparato tantissimo. Parlava poco ma le parole che diceva erano sempre quelle giuste. Ringrazio i miei genitori dell’educazione che mi hanno dato».

«Ho avuto la fortuna – ha detto Zanetti ai tanti presenti - di arrivare al calcio italiano, che mi sembrava lontanissimo. Sognavo questa possibilità e mi è arrivata quando non me l’aspettavo. Ero in Sudafrica con la Nazionale giovanile per un’amichevole : Passarella mi disse che l’Inter mi voleva. Tornai in Argentina e cambiò la mia vita: dovetti lasciare la mia terra, la famiglia e la fidanzata Paula, poi diventata mia moglie. Mi chiedevo se fossi pronto per un'esperienza del genere, là giocavo in una piccola squadra. Avevo dubbi ma sapevo che era la mia opportunità».  «Sono cresciuto così – ha aggiunto - portando rispetto a tutti. E comportandosi così mi hanno sempre rispettato. La cosa più importante nella vita e nella professione è ciò che lasci come persona. Al successo non si arriva da soli. Per costruire una squadra vincente c’è bisogno di tutti. Nell’Inter eravamo calciatori di paesi e religioni diverse, ma entravano in campo con una sola maglia e lottavamo per quella».

«Arrivai nel ’95 – ha raccolto le domande del pubblico - in un’operazione di mercato con il mio connazionale Rambert. I primi tempi non sono stati belli,  mancavano le vittorie. Però non ho mai pensato di lasciare questa società: sulla bilancia pesava sempre di più il mio amore per questa maglia, il rapporto con i tifosi e con la famiglia Moratti. Sono uno che crede nel lavoro e quando uno fa le cose fatte bene, il lavoro paga. Ho aspettato questo tempo e ho avuto ragione.  Non potevo andare via senza prima aver dato una gioia ai tifosi come quella notte a Madrid». Ogni qual volta Zanetti ha ricordato i fasti del “triplete” del 2010, l’aula traboccava di applausi e cori. «In quei due anni con Mourinho abbiamo vissuto i momenti più gratificanti.  Aveva metodi di preparazione mai visti in Italia e convinse il gruppo che si poteva fare sempre meglio. C’era molta cultura del lavoro e tutti i miei compagni avevano grande esperienza. Fu un gesto spiacevole la maglia lanciata da Balotelli con il Barca. Non abbiamo avuto il tempo di reagire in spogliatoio che si era subito accorto dell’errore. Gli abbiamo parlato e detto che era un momento della stagione importante.  Battere quel Barcellona è stata un’impresa. È un gesto che un tifoso non può accettare». E infine, il rapporto con la Fede. «Ho avuto il privilegio di conoscere Papa Francesco,  devo dire che sono rimasto emozionato e felice della sua persona. Vuole cambiare questo mondo, ha idee che possono aiutare i giovani, che sono coloro che hanno più bisogno. A loro dobbiamo indicare il bene ed esempi positivi da seguire». Eccone uno, Javier Zanetti, per tutti ancora “il capitano”. "

 

Fonte: ilpiacenza.it

 

 

Siamo su Google News: tutte le news sull' Inter CLICCA QUI

Gioacchino Castrogiovanni
Leggi i suoi articoli
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram