GdS - Moratti: "Eder è l'uomo giusto. Di Calciopoli e Moggi è meglio..."

GdS – Moratti: “Eder è l’uomo giusto. Di Calciopoli e Moggi è meglio…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Alla vigilia di un derby d’Italia, i tifosi sono sempre in fibrillazione ed il primo tifoso, come spesso si è autodefinito, non può che esserlo più di tutti.

Infatti Massimo Moratti, come riporta la Gazzetta dello Sport, si è fermato a parlare ai microfoni dei giornalisti sotto gli uffici della Saras ben volentieri del match di questa sera e degli obiettivi del mercato nerazzurro.

L’ex patron non usa mezze misure: “Essendo uno dei problemi che ha l’Inter in questo momento, il fare gol, credo proprio che Eder sia l’uomo giusto per noi. Per quel che ha dimostrato, è un giocatore capace di poter dare una buona dose di gol, anche più di Lavezzi”. Poi il socio di minoranza della Beneamata accenna a calciopoli, alla nuova inchiesta “Fuorigioco” e all’ultima recente sentenza contro Moggi: “Meglio non parlarne, a ripensare a quelle cose mi viene mal di stomaco, parliamo di calcio…”. Ed infatti si butta subito a commentare il big match di questa sera: “La vivo con il tifo e l’ansia di sempre. Non è che senta meno la gara ora…Sarà una bel match, soprattutto perché siamo alla semifinale di Coppa Italia e la Juve  è la più forte del campionato. Ora ha continuità ed una grande organizzazione di gioco ed un più hanno Dybala che è eccezionale. Speriamo finisca come in Coppa Italia nel 2008, con un bel 3-2 per noi.

Poi Massimo Moratti chiude con un intervento sul Mancio: “Credo proprio che voglia continuare con noi. Lui ha un discorso aperto in Europa con noi e credo voglia riprenderlo”.
Insomma, fiducia e sogni per l’ex numero 1 nerazzurro.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy