Cosa manca a questa Inter? Ecco i ruoli da rafforzare con un nome nuovo

Cosa manca a questa Inter? Ecco i ruoli da rafforzare con un nome nuovo

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Questa finestra di mercato invernale non sta regalando colpi ad effetto come la precedente sessione estiva per le squadre italiane. Sono tanti i nomi che circolano attorno alle big del nostro campionato, ma il più delle volte finiscono con il diventare delle semplici ed incompiute suggestioni. È questo il caso anche dell’Inter targata Roberto Mancini che dopo un mercato estivo scoppiettante, fatica ora a mettere a segno quei ritocchi alla rosa fondamentali per la corsa scudetto ma ai quali è quasi impossibile arrivare per via delle restrizioni finanziarie imposte dalla Uefa.

Ma cosa manca veramente a questa squadra per essere al livello di Juventus e Napoli. I punti saldi sui quali non è doveroso intervenire sono sicuramente il portiere e la coppia di difensori centrali, vero punto di forza di questa Inter versione 2015/2016. Sulle corsie esterne forse un innesto sarebbe gradito, visti le continue rotazioni di uomini specialmente sulla fascia sinistra. È però il centrocampo il ruolo più delicato nel quale sarebbe più utile intervenire; aggiungere infatti qualità in un reparto già estremamente solido e fisico vorrebbe dire far compiere quel definitivo salto di qualità all’intero gioco della squadra, per lunghi tratti ancora troppo lento e macchinoso e basato principalmente sulle giocate dei singoli. In un ipotetico 4-2-3-1, vera ambizione tattica di Mancini ma al momento difficile da realizzare per la mancanza dei giusti interpreti, al fianco dei muscoli e della fisicità di uno tra Medel, Melo e Kondogbia, servirebbe un uomo capace sì di dare una mano in fase di copertura e protezione della difesa al compagno di reparto, ma anche di avviare la manovra offensiva della squadra con giocate rapide e di qualità. “Uno con i piedi buoni” per farla breve.

Un profilo sicuramente difficile da raggiungere, sopratutto durante la sessione di mercato invernale e visti i pochi interpreti di livello in circolazione. Uno di questi potrebbe essere sicuramente Moussà Dembele del Tottenham, un giocatore che rispetterebbe in toto quell’identikit sopra descritto. Il centrocampista belga classe 1987 è infatti relativamente giovane e con una grande esperienza a livello internazionale, dotato di un mancino di altissima qualità, grande struttura fisica (1,85 cm per 85 kg), ottima visione e tempi di gioco data dal suo passato da trequartista, e di una grande duttilità che gli permette di esprimersi ad altissimi livelli in tutti i ruoli del centrocampo. Può infatti essere schierato sia da regista basso (suo attuale ruolo agli Spurs), da mezzala sinistra con caratteristiche da incursore e da trequartista, capace di rifornire con palloni precisi le punte o di arrivare a potenti e calibrate conclusioni da fuori. Un centrocampista completo, molto affidabile e dal prezzo non eccessivamente impossibile (20-25 milioni potrebbero forse bastare).

Per quanto riguarda il reparto avanzato infine di abbondanza e qualità sembra essercene abbastanza, con tre giocatori come Ljajic, Perisic e Biabiany, capaci di giocare sugli esterni e di ripiegare, chi più chi meno, anche in fase difensiva, e tre punte quali Icardi, Jovetic e Palacio, con caratteristiche molto diverse tra loro ma assolutamente complementari gli uni con gli altri.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy