Mancini-Jovetic nessuna bocciatura, ma Jo-Jo deve dare molto di più

Mancini-Jovetic nessuna bocciatura, ma Jo-Jo deve dare molto di più

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Ha fatto molto discutere nelle ultime settimane il presunto rapporto conflittuale creatosi tra Roberto Mancini e Stevan Jovetic. Sono bastate 3 panchine di fila per sollevare un polverone mediatico attorno al montenegrino accasatosi a Milano da solamente 5 mesi e ora già messo fuori dai piani tecnici dell’allenatore interista. In attacco la concorrenza è molta ed il modulo, il 4-3-3, utilizzato nelle ultime partite e che sembra dare il giusto equilibrio alla squadra, non esalta particolarmente le qualità dello Jo-Jo. Ljajic e Perisic sono infatti sicuramente più adatti per ricoprire le posizioni di ali nel tridente offensivo, visto il maggior dinamismo e la capacità di svariare su tutto il fronte offensivo. Nel ruolo di punta centrale poi, Mauro Icardi è finalmente essere tornato ai suoi livelli abituali, come dimostrano le numerose reti e prestazioni convincenti nelle ultime gare. Con queste premesse non è certo facile trovare spazio per Jovetic lì davanti.

Certo è che anche da lui ci si aspettava e ci si aspetta tutt’ora molto di più. Di questo ne è perfettamente conscio anche Mancini che non esita a ribadirlo in ogni conferenza stampa su precisa domanda. “Jovetic è arrivato dal City in una squadra come l’Inter. L’Inter ha una storia importante, è una delle Top del mondo. Chi viene qua sa che deve venire per vincere, lo abbiamo preso perché ha qualità. Può fare molto di più, continuo a pensare che lui insieme a Icardi ci possano far fare tanti gol“. Queste sono le dichiarazioni rilasciate durante la conferenza di oggi pre Atalanta-Inter. Le qualità del montenegrino sono sotto gli occhi di tutti e un giocatore con quelle doti dovrebbe trovare posto in una grande squadra come l’Inter in ogni partita, indipendentemente dall’avversario e dal modulo di gioco scelto dal proprio allenatore. Questo è il riassunto del “Mancini pensiero”, facilmente condivisibile da chiunque segua con un minimo di competenza critica il gioco del calcio. Ecco dunque che problemi di modulo o le incongruenze con Icardi sono solamente futili pagliativi a cui è bene non badare in maniera eccessiva. La chiave di volta sta infatti unicamente nella testa e nei piedi di Stevan, chiamato ora ad affermare con continuità le sue straordinarie capacità, il che gli permetterebbe di scrollarsi di dosso quella pesante etichetta di “talento eternamente incompiuto”.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy