GdS - Centrocampo Inter, che rompicapo

GdS – Centrocampo Inter, che rompicapo

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Con l’apertura del mercato le squadre della Serie A cercano di rimediare a eventuali errori fatti in estate, l’Inter è alla disperata ricerca di un “cervello” a centrocampo, uno che abbia un’idea una volta recuperata la palla, perché, dati alla mano, la mediana nerazzurra ha numeri impietosi.

Scrive La Gazzetta dello Sport che il reparto centrale dell’Inter è il meno efficiente tra le 5 candidate al titolo, domenica contro il Sassuolo i palloni recuperati da Brozovic, Kondogbia e Medel son stati 4 contro i 12 di Duncan e Magnanelli, risultato dall’aspettare l’avversario senza creare fastidi.

Non solo, dai dati Opta risultano 69 occasioni create dal centrocampo nel girone d’andata, niente paragonato alle 112 create dalla Juventus, dimostrazione che in una squadra di calcio il motore che accende tutto sta al centro del campo. Medel è apparso troppo solo, Kondogbia lento nel pensare e Brozovic pronto a correre a vuoto, con 1070 palle perse in tutto il campionato, dato peggiore solo della Roma a quota 1154, ma su i palloni persi va notato che solo 467 vengono poi recuperati, dimostrando cosi che che tra le pretendenti allo scudetto l’Inter recupera più palloni ma anche che è la squadra che ha meno idee e tende a perdere più volte la palla.

Nella metà campo avversaria l’Inter recupera 132 volte il pallone, il Napoli 181, segno di un baricentro che i nerazzurri non riescono ad alzare, cosi Mancini deve correre ai ripari, liquidati Melo, Gnoukouri e Guarin si attende il jolly, un giocatore che pensa anche senza la palla e che riesca a innescare anche gli attaccanti, impresa non semplice per il mercato di riparazione.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy