Bellinazzo a Radio Sportiva: "Il bilancio dell'Inter è opaco, enti europei ed italiani devono vigilare su Thohir"

Bellinazzo a Radio Sportiva: “Il bilancio dell’Inter è opaco, enti europei ed italiani devono vigilare su Thohir”


Marco Bellinazzo, noto giornalista de Il Sole 24 Ore, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Sportiva per dare una lettura chiara del bilancio nerazzurro, noto da ieri in seguito all’assemblea dei soci.

Bilancio di meno 45, meno 74 o bilancio consolidato sui meno 140 milioni, qual è la realtà dei fatti in casa nerazzurra?

“Molto difficile dirlo, la prima premessa è che purtroppo il bilancio di alcune società stanno diventando opachi come non dovrebbero essere, tra situazioni di controllo su società che hanno dentro una parte dell’attività, che quindi magari utilizzando il brand piuttosto che si occupano di sponsorizzazioni. Altre società che fanno parte del gruppo che hanno dentro i debiti o operazioni di rifinanziamento e quindi su cui sono scaricati gli interessi passivi. Tutto questo ci porta a quella girandola di numeri di cui si parla, che rischiano di confondere i tifosi. Verrebbe da dire subito che Thohir aveva ragione: non è di 90 milioni il rosso dell’Inter, ma non è nemmeno di 74. Purtroppo la situazione è molto più grave. Proprio per questo bisognerebbe conoscere il bilancio consolidato di tutte le società che fanno parte del gruppo Inter, quindi tutto ciò che entra in cassa e tutto ciò che esce. Purtroppo non abbiamo questo tipo di dati perché l’Inter non è una società quotata in borsa, non è tenuta a tutta una serie di obblighi di trasparenza e, soprattutto, sulla parte del consolidato non è tenuta a farlo se non nel gruppo di imprese di Thohir. Però, andando a guardare tra le righe del bilancio, emergono alcuni dati su cui possiamo riflettere e supporre quale sia lo stato di salute della società.
Innanzitutto c’è un deficit consolidato che supera, anche eliminiamo i costi non ricorrenti, cioè costi che non avvengono tutti gli anni, in negativo di poco i 100 milioni. Si erano sbagliati in tanti, anche io avevo riportato le note dell’ANSA a proposito del deficit di 90 milioni. In realtà stiamo parlando di 100 milioni di rosso. Se poi aggiungiamo i costi non ricorrenti, che possono riguardare il bilancio di Mazzarri, che viene scaricato tutto in un anno, anche quello che deve essere pagato l’anno prossimo, e alcune svalutazioni di calciatori, questa somma arriva ai 140 milioni in negativo, che sommati ai 100 della passata stagione arriva ad un totale di 240 milioni di rosso in due anni della gestione Thohir, sebbene per un semestre c’era ancora la presidenza Moratti. Detto ciò, partiamo da un deficit molto ampio, a cui aggiungere un dato molto preoccupante: Thohir ha prestato in questa fase dei soldi alla società, quasi 100 milioni, con un tasso tra l’8 e 9%. Considerando che il costo del denaro oggi, in Europa e negli Stati Uniti, è a zero, si capisce che è una quota di interessi
molto alta. Il presidente nerazzurro ha riscosso come interesse circa 4 milioni. Poi, per ultimo dato, c’è una cosa che avevo anticipato a propostio della campagna acqusiti: se i nerazzurri dovessero riscattare tutti i giocatori che sono arrivati nella passata finestra di mercato avrebbe un ulteriore debito di 50/52 milioni di euro. Dunque, una situazione tutt’altro che rasserenante. I sorrisi di Thohir di ieri mi lasciano molto perplesso. Perlomeno lui ci ha guadagnato 4 milioni, l’Inter non tanto”.

Situazione preoccupante dunque, ma al di là dei sorrisi di facciata, se l’Inter dovesse qualificarsi alla prossima Champions League, i conti potrebbero tornare? Basterebbe da solo per trovare un equilibrio?

“Beh, consideriamo che l’Inter deve effettuare un aggiustamento di almeno 100 milioni, perché la UEFA impone di arrivare a meno 30, per le sanzioni inflitte. Quindi bisogna aumentare i ricavi di 100 milioni o ridurre i costi di 100 milioni. Bisogna trovare un mix tra queste misure. È chiaro che già riuscire ad andare in Champions, portando 40/50 milioni in entrata, aggiungendo una riduzione dei costi, insomma, si può sperare di rispettare quel parametro. Più in generale, è evidente che se non si va in Champions non si può poi far leva sui quegli incassi commerciali che sono poi il vero surplus della gestione indonesiana e, in tutto questo, c’è l’enigma di Moratti. L’ex presidente nerazzurro aveva e ha la possibilità, dopo due anni dal closing, di uscire. Da quello che leggiamo sembra proprio che ne abbia tutte le intenzioni, anche perché altrimenti dovrebbe far fronte a queste perdite. Bisogna capire chi, magari, subentrerà nel 28/29% di Moratti. Entrare in una società con tali quote e non comandare e dover sopportare in parte queste perdite ingenti non è uno scenario allettante, a meno che sia un benefattore interista. Sono tutte incognite che devono essere valutate e credo che gli organi di controllo della UEFA e anche italiani dovrebbero a questo punto accendere più di un faro sulla gestione dell’Inter, che va salvaguardata, per il suo blasone, il suo patrimonio, che ha a che fare con la storia del calcio italiano, perché i segnali che arrivano dalla gestione Thohir, al di la della facciata, non sono suffragati dai numeri. I numeri ci dicono purtroppo altro, cioè che i conti non sono in miglioramento ma in peggioramento”.

ULTIME NOTIZIE

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl