Conferenza stampa dopo l'assemblea dei soci (2/2) - Parola a Bolingbroke, Williamson, Ausilio e Zanetti

Conferenza stampa dopo l’assemblea dei soci (2/2) – Parola a Bolingbroke, Williamson, Ausilio e Zanetti


Nella conferenza stampa dopo l’assemblea dei soci non parla solo Thohir, ma anche Bolingbroke, Williamson, Ausilio e Zanetti: ecco le loro dichiarazioni, raccolte dall’inviato di SpazioInter Antonio Caianiello.

BOLINGBROKE: “Etihad? Mai parlato con altre parti. Noi continuiamo a parlare con Pirelli e spero di poter chiudere presto. Faulkner? Si è unito a noi dalla Uefa. Sono felice di averlo qui. Poi abbiamo Alessandro Antonelli: prima era con Puma, lo abbiamo preso perché capisce la difficoltà nel calcio e nella finanzia. Abbiamo un managment solido. Per quanto riguarda Fassone, abbiamo apprezzato il suo lavoro, ma ora siamo un gruppo compatto. Il business è un continuo cambiamento. Senza CL cosa cambia? Noi speriamo di essere in Champions l’anno prossimo, ma speriamo di essere nei primi 3 ogni anno. Lottare per lo scudetto è un’aspettativa ragionevole. Noi siamo l’Inter e dobbiamo andare in Champions. A volte potremmo non riuscirci. Noi ci aspettiamo di esserci. Se ci fosse un anno in Europa o senza, ci adatteremo. È business, dobbiamo avere una certa visione: ci saranno anni senza Europa o con EL, ma noi vogliamo lottare al massimo. Ethiad? ha smentito tutto, non vorrei tornare sul discorso. Stiamo avendo un discorso con Pirelli. Se non troveremo l’accordo vedremo. Siamo stati approcciati da altre team. Siamo un top team. A breve avremo dei risultati“.

WILLIAMSON:Durante l’anno abbiamo giocato l’Europa League e abbiamo lavorato sul mercato. Abbiamo fatto un buon lavoro. Abbiamo un budget per arrivare a -30. Abbiamo un target da raggiungere e proviamo a farlo. Abbiamo firmato nuovi partner. Questo trans, anche dalle partite di serie a, ci spingono ad essere ottimisti. Con il FPF stiamo lavorando per quest’anno. Prima cerchiamo di raggiungere la Champions. Stiamo ragionando sul bilancio 2015/16 per la Cchampions. Ci si adatta, abbiamo un piano B. Per Alvarez. c’è un processo avviato con la FIFA Per il bilancio abbiamo ragionanto già. La situazione è nelle mani della FIFA. Thohir: per Alvarez siamo sicuri di essere dalla pere giusta. Se i club non si rispettano l un la toro allora non son tagliati per questo lavoro“.

AUSILIO:Thohir ha detto tutto. Ha in testa molto bene i numeri e la qualità della rosa. Saremmo in errore se dovessimo farlo a gennaio come questa estate ma anche come l’abbiamo fatto a gennaio scorso. Abbiamo una buona squadra, è completa con qualche esubero. In estate cercheremo di favorire delle uscite. Detto ciò siamo l’Inter e in queste settimane stiamo seguendo il calcio come ci compete. Se ci saranno occasioni per rafforzarsi cercheremo di essere pronti e lo faremo. Questa squadra è ottima, lo crediamo, dobbiamo crescere come squadra. Ci sono state defezioni e causa nazionali i giocatori devono ancora rifarsi e trovarsi. A gennaio la squadra con il lavoro di Mancini sarà dove gli compete. Alvarez? Noi stiamo portando tutto alla FIFA. Tutto scritto in inglese nel contratto. Prestito con una condizione unica, indipendentemente dalle presenze di Alvarez. Se si salvavano dovevano riscattarlo. Loro hanno trovato delle giustificazioni. Per quanto ci riguarda, è stato venduto al Sunderland. Penso che a breve verrà rettificato anche dalla FIFA“.

ZANETTI:Siamo competitivi, lo stiamo dimostrando. Siamo una squadra molto solida. Dimostrato anche ieri. Sarà campionato equilibrato. Pensiamo di poter lottare penti primi 3. Vedi squadre che stanno giocando bene come Fiorentina Roma e Napoli. La Juve rientrerà . Speriamo di essere continui per lottare fino all’ultimo mese. Sono contento di questa opportunità che ho avuto. Posso aiutare nella parte sportiva e non. Anche nel marketing. Sto studiando, faccio un corso alla Bocconi. Ho le idee più chiare. Sto lavorando con grandi manager che mi stanno aiutando. La cosa più importante è rendermi utile per l’Inter“.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl