Licenza UEFA, il Genoa non si presenta all'udienza

Licenza UEFA, il Genoa non si presenta all’udienza


Situazione surreale quella che stanno vivendo i tifosi del grifone e gli addetti del CONI, che oggi, in accordo con la società di Preziosi, avevano in programma una seduta straordinaria per valutare il possibile rilascio della licenza UEFA al Genoa.

Come si apprende dall’edizione online del Secolo XIX, l’arbitro dal club ligure, Carlo Bottari, non si è presentato a causa di motivi personali, facendo saltare l’intera udienza anticipata a questa mattina, sebbene inizialmente fosse in programma questo pomeriggio.

Stupefatto e incredulo è apparso il presidente del collegio, Franco Frattini: “È una cosa inaudita. È la prima volta che si verifica. Il collegio non si può costituire e non si può decidere in quanto l’arbitro designato dalla parte ricorrente, invitato da me a dare la disponibilità o per l’intera giornata di oggi o di domani ha negato questa disponibilità”.

Situazione complicata, ora, dato che la UEFA impone la chiusura di tutti i procedimenti legati alle licenze entro il 31 maggio. Ma in realtà il termine ultimo è quello di domani, dato che il 31 è domenica.

“Sono disponibile fino a domani alle 24, se il Genoa decidesse di cambiare l’arbitro. Un nuovo arbitro lo avrei accettato anche stamattina pur di far funzionare il Collegio”. Così ha chiosato Frattini, ricordando anche che, se non dovesse esserci un nuovo incontro, i termini da tener presente per trarre le conclusioni sul rilascio della licenza saranno quelli dell’ultimo avvenuto, considerando i fatti fino a quel giorno.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl