Moggi: “Moratti? Non mi sono lavato la mano perché non c’erano bagni. All’Inter non vincevano perché…”

La stretta di mano tra Moratti e Moggi del 2 febbraio, nel processo che vedeva imputato l’ex dg della Juve per diffamazione nei confronti di Giacinto Facchetti, aveva suscitato scalpore. I due acerrimi nemici del panorama calcistico italiano avevano per un attimo deposto le armi, prima che Luciano Moggi non pubblicasse un tweet il giorno seguente: “Mi sono lavato subito la mano”.

A distanza di più di un mese e dopo l’assoluzione per prescrizione, il bianconero torna a far parlare di se’ e, ospite della trasmissione radio “La Zanzara” su Radio 24, riprende l’argomento: “Moratti mi ha dato la mano ed è stato gentile. Anche a me hanno insegnato l’educazione. Ho detto che mi sono lavato la mano? Era una battuta. Non c’erano mica i bagni lì? E comunque non era Moratti che attaccava, era Facchetti”.

Pungente e polemico come sempre, Moggi non ha deposto le armi, torna indietro di qualche anno ed attacca ancora l’Inter: “All’Inter non vincevano perché erano pippe ed incapaci. Di certo non sono stato io a comprare Vampeta, Taribo West e Hakan Sukur. Non è colpa di Moratti, non era lui che faceva la campagna acquisti”.

Sei qui: Home » News Inter » Moggi: “Moratti? Non mi sono lavato la mano perché non c’erano bagni. All’Inter non vincevano perché…”