Dalla tribuna alla panchina: il precedente sospetto di Mancini