Caso Lotito, arriva il duro commento: "Soffre di delirio di onnipotenza, è come Mussolini"

Caso Lotito, arriva il duro commento: “Soffre di delirio di onnipotenza, è come Mussolini”


Non poteva mancare il suo commento sull‘affaire Lotito. A parlare è uno dei presidenti più vulcanici della Serie A, Maurizio Zamparini del Palermo. Il patron rosanero è intervenuto sulla vicenda ai microfoni di Radio24 nel corso della trasmissione “La Zanzara”.

“Se Lotito avesse fatto dichiarazioni pubbliche gli darei zero in pagella, ma è una cosa infame aver registrato una telefonata privata. Ha detto delle boiate, si crede onnipotente. Ma forse non sa che il potere dà fastidio a molti che poi lo combatteranno”

Ricordiamo che Lotito è finito nella bufera dopo le dichiarazioni registrate da Iodice, dirigente dell’Ischia, nelle quali il presidente della Lazio affermava che l’eventuale promozione del Carpi in Serie A sarebbe stata dannosa per la lega.

“Lotito soffre di delirio di onnipotenza. Prima di lui ne hanno sofferto Mussolini e Craxi. Ora ce l’ha anche lui, vuole fare anche politica”.

Per Zamparini l’eventuale promozione in A del Carpi sarebbe tutt’altro che un problema. “Lotito ha detto delle boiate. Chi lo dice che il Carpi non può andare in Serie A? Io ho portato in A il Venezia e il bacino del Carpi e del Venezia è più o meno lo stesso.”

Zamparini, però, non risparmia nemmeno Iodice: “Solo nel regime sovietico accadono queste cose, come quando i figli registravano i padri liberali che poi andavano in galera. Iodice è una persona di bassissimo livello. Se non sei d’accordo con qualcuno e hai le palle glielo dici in faccia e poi magari vai a dire alla stampa che Lotito ti voleva condizionare. Non registri la telefonata”.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl