Situazione rinnovi e lo spinoso capitolo di Handanovic

Situazione rinnovi e lo spinoso capitolo di Handanovic

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

 

Non solo Icardi per quanto concerne il tema del rinnovo del contratto tanto importante e ricco di significati per diversi giocatori della Beneamata. In questi giorni, infatti, la dirigenza nerazzurra sta valutando le situazioni più importanti che riguardano sia il nodo legato a Samir Handanovic che quello del capitano nerazzurro Andrea Ranocchia.

Nella giornata di mercoledì il direttore sportivo dell’Inter Piero Ausilio ha spiegato come la società di Corso Vittorio Emanuele abbia cominciato un discorso con tutte e tre le parti sopra indicate e non c’è alcuna ragione per cui non si debba arrivare a breve ad un accordo.

Secondo quanto riporta Sport Mediaset, al momento però sembra che la situazione più delicata riguarderebbe quella del portiere sloveno, il cui contratto è in scadenza il 30 giugno 2016 ma ad oggi l’estremo difensore nerazzurro ha respinto ogni ipotesi di prolungamento.

Un’intesa difficile da sbloccare perché pare che Handanovic senta la necessità di giocare la Champions League e se l’Inter non dovesse far parte della competizione al termine della corrente stagione la separazione sarebbe probabile, con diversi club pronti a bussare ai nerazzurri i quali sarebbero costretti a privarsene per riuscire a fare cassa.

Se la situazione relativa ad Icardi è in stand-by (contratto in scadenza 2017), quella di Andrea Ranocchia sembra che manchi solo di piccole formalità per arrivare all’ufficialità. Il giocatore al momento non ha un grosso mercato ed ha un accordo sulla parola per un rinnovo che dovrebbe arrivare a breve fino al 2018.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy