GdS – Riforma della Serie A. Rose da 25, in 4 dal vivaio più 4 cresciuti in Italia

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Il Consiglio federale ha approvato le nuove norme sulla composizione degli organici e sui trasferimenti degli extacomunitari. Ecco le norme così enunciate nel comunicato ufficiale della Figc.

1) Rose delle squadre di Serie A a 25 calciatori, di cui 4 cresciuti in Italia e 4 cresciuti nel vivaio del club per cui sono tesserati, libero tesseramento degli Under 21 (la stragrande maggioranza è italiana).

2) Riforma dei cosiddetti giovani di serie; il giovane extracomunitario al primo tesseramento deve essere residente in Italia ed essere entrato nel nostro Paese con i genitori non per ragioni sportive e comunque aver frequentato la scuola per almeno 4 anni (tali calciatori non possono essere utilizzati per la sostituzione di un nuovo calciatore extracomunitario);

3) La sostituzione del calciatore extracomunitario sarà possibile solo nel caso di esistenza del contratto da professionista da almeno 3 anni (dal 2012).

Come riporta la Gazzetta dello Sport  per Tavecchio, Lotito e la nuova Federcalcio si tratta dell’inizio di una nuova stagione di riforme del pallone fondata su valorizzazione dei vivai e fairplay finanziario.

Il fairplay si sposa con la limitazione delle rose a 25, con eventuali due inserimenti in casi particolari. In questo numero devono essere compresi 4 giocatori del vivaio del club e 4 provenienti da vivai di formazione nazionale. Un tentativo insomma di fermare la “stranierizzazione” dei nostri club. Un provvedimento che secondo i calciatori può essere facilmente eluso, vista la libertà di tesseramento degli Under 21. Ma come sottolineato nella prima norma dell’enunciato della FIGC la stragrande maggioranza in questa categoria anagrafica è italiana.

Quello dello rose è il punto su cui le parti hanno avuto maggiori divergenze. Ma anche il caso extra-comunitari ha aperto una frattura.

La rivoluzione parte senza il consenso di tutti. Anche per questo sugli altri fronti tutto è fermo, in particolare sulla riforma dei campionati. Per adesso Tavecchio parla di “rinvio”, ma in questo caso bisognerebbe convincere le componenti tecniche, visto che serve la maggioranza qualificata del 75 per cento.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook