Il Messaggero Veneto – Stankovic: “Mancini l’uomo giusto, Moratti mi convinse con..”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo la partita di Belgrado tra Stella Rossa e Udinese, dove Stankovic è sceso in campo per pochi  minuti con la maglia della squadra serba, il vice dei friulani ha rilasciato un’intervista al Messaggero Veneto, dove ha toccato anche temi riguardanti il momento particolare dell’Inter, la sua carriera nerazzurra e il rapporto con Stramaccioni. Ecco le sue parole:

Dopo la Lazio, da giocatore già maturo, è finito a Milano, per vincere un bel po’ di trofei con l’Inter, dove ha ritrovato Mancini”
Quando lo incontrerò di nuovo, seduto su quella panchina, lo ringrazierò per tutto quello che mi ha insegnato e che mia ha fatto vincere. Per il nuovo corso del club penso sia la scelta giusta”.

È il nome che si sente di mettere in evidenza pensando alla sua Inter?”
Per quella svolta devo ringraziare tutta la famiglia Moratti. Mi convinsero parlandomi di sport, non di soldi. E la passione è ancora quella cosa che ti aiuta a fare la differenza nel calcio. Sono stati anni di successi quelli di Milano. Successi che hanno portato a fare di quella città la mia nuova casa. La mia famiglia è ancora là. Mi manca in certi giorni. Ma poi penso che i ragazzi hanno gli amici e la scuola, là. E non voglio toccare i loro equilibri. Anche se Udine sta diventando giorno dopo giorno una realtà che mi sta facendo pensare: ma sì, tra un po’ tutti potremo vivere in Friuli”.

È il vice di Stramaccioni all’Udinese
“Sono uno che cerca di imparare più possibile e più velocemente possibile. Mi sono calato con tutta la voglia di calcio che ancora ho dentro in questo nuovo mestiere. Non sono ancora al cento per cento un allenatore, ma voglio diventarlo”.

Il nuovo cerchio, quello dello Stankovic allenatore, tocca l’esperienza interista, l’anno e mezzo vissuto con Stramaccioni. Come è andata?
“In modo fulmineo. Io ero a casa: ho acceso la tv e la Tg sport ho sentito del nuovo contratto firmato da Andrea. Mi sono detto: benissimo, ha fatto la scelta giusta. L’Udinese è una società che ha programmi, che ha tradizione, che investe sui giovani e ti dà il tempo per lavorare. la sera ecco la telefonata. Come stai? Come va? Cosa pensi? Ho tagliato subito corto, sono fatto così: Andrea, cosa vuoi chiedermi? Mi ha chiesto di diventare il suo vice. Ho accettato subito”.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook