GdS- FPF: ecco cosa rischia l’Inter

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Domani l’Inter giocherà una partita ancora più importante di quella di questa sera contro il Saint Etienne. Non saranno gli uomini di Mazzarri a dover portare a casa i tre punti, ma la delegazione nerazzurra composta da Erick Thohir, Marco Fassone, Michael Bolingbroke.

La Gazzetta dello Sport di oggi mette a fuoco le cause per cui l’Inter è stata chiamata a Nyon. I nerazzurri devono rispondere di un passivo di 180 milioni che corrisponde alla somma dei passivi di bilancio delle ultime tre stagioni. Infatti nella stagione 2011-2012 il passivo era di 24 milioni, nella stagione 2012-2013 di 68 milioni mentre nella passata stagione si è arrivati ad un -88 milioni sul bilancio finale. La causa principale di tutto ciò è dovuta soprattutto dalla diminuzione dei ricavi. Si è passati dai 206 milioni del 2012 ai 167 di quest’anno. Da sottolineare come l’Inter abbia provato a diminuire i costi: nella stagione 2011-2012 la Beneamata aveva un totale di 319 milioni mentre nella passata stagione si è arrivati ai 265 milioni.

Domani a Nyon, Thohir cercherà di fare leva su una nuova gestione delle casse nerazzurre, molto vicina a quella imposta dalla UEFA. Come scrive la GdS: “La difesa dell’Inter poggerà sul piano di risanamento e sviluppo, su base quinquennale, che ha convinto le banche al mega-finanziamento di 230 milioni. La leva delle spese è stata agitata parecchio e i frutti continueranno a vedersi in questa stagione, visto che budget prevede una perdita di 50 milioni, praticamente dimezzata rispetto al -103 del 30 giu- gno 2014, grazie al taglio di salari e ammortamenti e all’aumento dei ricavi commerciali, tra Infront e Nike. Proprio sul fronte dell’entrate Thohir dovrà essere abbastanza convincente per far capire all’Uefa che un modello di diversificazione del giro d’affari è possibile”

Ma in sostanza cosa rischia l’Inter? La UEFA non risponderà subito, ma studierà le carte per un mese per poi richiamare l’Inter per altri accertamenti. In seguito, potrebbe essere proposto un patteggiamento a Thohir. In tal caso, si potrebbe pensare a delle trattenute sui premi Uefa, riduzione delle rose o limiti alle spese per il mercato. Senza patteggiamento anche peggio.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook