Stankovic: “Grazie Inter, con te sono entrato nella storia! Quando mi ha chiamato Strama…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Dejan Stankovic ha commentato l’inizio della sua avventura da vice-allenatore dell’Udinese, tornando anche sul suo addio ai colori nerazzurri. Ecco le parole del Drago:

“Ero in vacanza, avevo lasciato a casa il telefono. Lo recupero, c’è una chiamata senza risposta: Stramaccioni. Avevo letto che stava firmando per l’Udinese: ho capito prima di richiamarlo che non mi telefonava per chiedermi di qualche giocatore. E avevo deciso cosa dirgli già prima di richiamarlo”.

Beh, magari aveva capito male…

“Non avevo capito male: ‘Deki, ho in testa un’idea, vorrei lavorare con te: ci stai?’. Ci stavo, perché in quel preciso istante ho risentito le farfalle dentro lo stomaco: una sensazione che mi mancava da Inter-Chievo, quando ero tornato a giocare una partita vera dopo quasi un anno fuori per colpa del tendine. Gli ho detto solo: ‘Lasciami una sera per parlare con la mia famiglia, ma al novanta per cento è sì'”

Da più di un mese è vice allenatore dell’Udinese al cento per cento: perché, Stankovic?

“Risposta razionale: perché questa esperienza è un tesoro e posso farla con un tecnico bravo con cui mi capivo al volo anche quando mi allenava e in un club che, vissuto da dentro, è ancora più organizzato di quanto si vede da fuori”.

Ok, e la risposta di pancia?

“Perché non ne potevo più di stare fermo: mi ero già fermato abbastanza anche quando ero ancora un giocatore, purtroppo. E perché sentivo di dover dare a qualcuno, una volta fuori da un cam- po di calcio, qualcosa dei miei vent’anni di calcio passati dentro un campo”.

Sperava di darlo all’Inter?

“Io all’Inter dico solo grazie e quando uscirà il calendario la prima data che guarderò sarà quella di Inter-Udinese: è sempre bello tornare a casa e San Siro è stato casa mia. Grazie ai tifosi, agli ex compagni, al presidente, che per me è Moratti perché non ne ho avuto un altro: grazie per aver potuto riempire di sudore quella maglia, entrando nella storia portandola addosso”.

Sì, appunto: ma c’è stato un momento in cui si è parlato di farla continuare quella storia, no?

“Non mi sentirete mai dire parole che possano scatenare casini: io ero pronto, ma quando c’è un cambio di proprietà serve anche tempo per inquadrare bene la situazione”.

E quella storia di Stankovic alto dirigente della federazione serba com’è finita?

“In federazione sarei potuto entrare come vice di Mihajlovic, se Sinisa fosse rimasto l’allenatore della nazionale. Da dirigente no: se oggi il nome Dejan Stankovic significa qualcosa è perché me lo sono guadagnato sul campo e non avrei voluto un ruolo che fosse conseguenza solo di quel nome. Volevo usare quel nome con la stessa umiltà che ci ho messo per farmelo. Volevo fare esperienza, ricominciare. E infatti oggi Deki è ripartito da zero, e si prende del tempo: per studiare, per lavorare, per vivere di calcio al cento per cento. A costo di staccarmi per la prima volta nella mia vita da mia moglie e dai miei figli, che per ora restano a Milano”.

Si sfoga in partitella?

“Ogni tanto mi metto lì davanti alla difesa e tiro qualche urlo. Ho tolto le scarpe solo un anno fa: me le sento ancora addosso le cose che servono quando si gioca, a cominciare dal sangue nelle vene. Soprattutto nei momenti difficili: ecco, una cosa che penso di poter spiegare ai ragazzi è come reagire in certi casi”.

Sente che ormai sarà questa la sua carriera?

“Sì: se faccio una cosa, la prendo di petto e non mollo un centimetro. Anche se è una cosa completamente diversa da quella di prima e per ora mi basterebbe fare un decimo di quello che ho fatto da giocatore. Ogni tanto mi rendo conto di quanto sono inesperto, ma non mi butto giù: alzo la mano, e chiedo”.

Quello che ha fatto Vidic con lei, prima di firmare e dopo aver firmato con l’Inter.

“Mi ha chiesto mille cose: dell’Italia, del calcio italiano, dell’Inter, della Pinetina, dei compagni. Tutto, ha voluto sapere tutto. Del giocatore cosa potrei dire di nuovo? Per due anni è stato il miglior difensore del mondo, tuttora è fra i migliori: non c’è molto da aggiungere. Quello che scoprirete è l’uomo che ho conosciuto in dieci anni di Nazionale insieme: una persona seria, un grande professionista, un leader”.

E lei cosa gli ha detto?

“Nema, in Italia c’è grande attenzione all’organizzazione, alla tattica. Per anni hai affrontato attaccanti fortissimi uno contro uno, con auto- strade dietro di te: qui giocherai con la sigaretta in bocca”.

Anche se non è abituato a giocare con la difesa a tre?

“Imparerà in fretta perché è intelligente ed esperto, sa leggere il gioco in anticipo e prende posizione prima dell’attaccante”.

Una cosa in cui siete simili?

“Lui è molto più freddo di me, ma direi il coraggio. Ha presente Braveheart? Ecco, non sa quante volte gli ho detto ‘Nema, pensa alla salute’, quante volte si è spaccato il naso o aperto la fronte perché si butta sempre e comunque, senza pensarci”.

Un capitano di fatto?

“Il capitano sarà Johnny (Stankovic ha sempre chiamato Ranocchia così, perché è magro come Johnny Stecchino) ed è giusto così: l’altro giorno l’ho sentito e gliel’ho detto. Però Vidic gli potrà dare una bella mano: anche a tenere bene quella fascia sul braccio”.

Handanovic, Vidic, Kovacic, forse Kuzmanovic, magari Jovetic: sarà una buona… Interic?

“Sono tutti grandi giocatori, me lo auguro per l’Inter: non contro l’Udinese, ovviamente”.

Ma se dall’Udinese dovesse arrivare anche Pereyra…

“Io di mercato non mi occupo: però oggi l’ho visto in campo, si allena ancora con noi…”. 

 

 

 

 

 

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook