CALCIOMERCATO/ C’è l’ok di Dodò, ma resta un nodo da sciogliere tra Inter e Roma

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

La prima settimana ufficiale di mercato ha portato poche novità in casa Inter, nonostante i dirigenti nerazzurri siano alla continua ricerca del miglior affare, impegnati giorno e notte con la speranza di regalare a Mazzarri i rinforzi giusti in vista della prossima stagione. Nelle ultime ore sul taccuino di Ausilio è comparso un nuovo obiettivo che risponde al nome di José Rodolfo Pires Ribeiro, meglio noto come Dodò.

L’esterno classe ’92 in forza alla Roma è diventato uno dei principali candidati per completare la batteria di esterni insieme a Jonathan, Nagatomo e D’Ambrosio, potendo soddisfare sia l’identikit tracciato dal tecnico toscano – che in quel ruolo ha richiesto un mancino puro che sappia applicarsi sia nel 3-5-2 sia come terzino in una difesa a quattro – sia le esigenze del club, a caccia di un colpo low cost con buone prospettive di crescita.

Con l’arrivo a Trigoria di Emanuelson e di Ashley Cole e con il recupero di Balzaretti, Garcia è decisamente coperto in quella zona del campo e l’ex Corinthians rischia di trascorrere la prossima stagione tra panchina e tribuna. Proprio per questo motivo le due società stanno cercando un accordo: Ausilio vorrebbe portare il giovane terzino a Milano con la formula del prestito con diritto di riscatto, nell’eventualità di una conferma in caso di stagione positiva; Sabatini invece considera il 22enne brasiliano una pedina importante per il futuro e preferirebbe un prestito secco.

L’Inter ha ricevuto già l’ok del giocatore per il trasferimento e chissà che proprio la sua volontà non si riveli decisiva per mandare in porto la trattativa.

Antonio Simone

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook